Domanda:
È bene che l'oratore legga le note durante una presentazione?
Kay
2016-03-12 15:27:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Mi chiedo se sembra strano se un oratore legge delle note durante una presentazione? Lo chiedo perché, ho notato che alcuni relatori non possono presentare bene il loro lavoro o la loro ricerca a causa del nervosismo e di altri fattori come la lingua, la pronuncia ecc.

Quindi se un oratore prende appunti e legge correttamente insieme alle diapositive, come apparirà? Il pubblico accetterà o criticherà tali presentazioni?

Come sarà se l'oratore parla da solo, ma esaminerà le note al necessario?

Qual è il tuo campo? Ho fatto l'esperienza che nelle materie tecniche e scientifiche questo è comunemente guardato dall'alto in basso, mentre in campi come la filosofia, sembra essere il modo preferito (da quanto mi è stato detto, perché l'esatta scelta delle parole pianificata in anticipo da l'autore è considerato uno degli aspetti cruciali del discorso, piuttosto che mostrare una padronanza ad hoc dell'argomento).
Sì, sono d'accordo con te @O.R.Mapper .. Sto parlando del campo dell'Atmosfera, dove sono necessarie molte espressioni appropriate per affrontare l'originalità del proprio lavoro. Vorrei commentare qualcosa di più.
Unisciti a Toastmasters.
Undici risposte:
#1
+32
Massimo Ortolano
2016-03-12 15:52:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vent'anni fa non era affatto raro alle conferenze internazionali di fisica ed ingegneria elettrica partecipare a presentazioni "di lettura", soprattutto da parte di vecchi ricercatori dei paesi asiatici che non erano abituati a parlare inglese.

Come è stato? Noioso, assolutamente noioso, e il pubblico si allontanava. Per favore, non farlo o suggerirlo: se ti senti a disagio a parlare, provare, provare, provare.

Non credo che "le presentazioni di asiatici che non erano abituati a parlare inglese fossero noiose" porta a "(tutte) le presentazioni che vengono lette sono noiose". La capacità di fornire una presentazione / discorso bene è totalmente separata da quanto perfettamente ricordi ogni parola.
@DavidMulder Ho riferito che le presentazioni provenivano da asiatici solo perché quella era davvero la situazione in quel momento, ma il punto principale è che quelle presentazioni erano _leggere_, e per questo erano noiose. Anche immaginando oratori più brillanti, non posso entusiasmarmi per le presentazioni di lettura. Quando ero uno studente ho anche frequentato alcune lezioni di lettura di materie umanistiche, nella mia lingua, e non le consideravo nemmeno interessanti.
Ora la tendenza è cambiata per leggere i punti elenco direttamente da PowerPoint. Altrettanto noioso e fatto da persone con tutti i livelli di linguaggio ed esperienza.
@Davidmh: Può peggiorare: ho visto persone mettere un pdf con le note (* non * una presentazione) sullo schermo e leggere * quello *. Terribile.
Sospetto che "una buona presentazione" sia specifica della cultura.
Puoi chiarire la tua risposta con quale campo si trovava? In alcuni campi, in particolare nelle discipline umanistiche, leggere direttamente da un testo preparato in precedenza è la norma.
@E.P. Fatto, ho aggiunto i campi.
@tomasz Sono stato a uno del genere che è stato davvero molto interessante. Ma immagino che uno debba essere Sheldon Glashow per farcela (e non ha solo letto da esso, ma l'ha usato come guida).
Negli ultimi anni mi sono imbattuto in un sacco di questi stili di presentazione * occhi bassi monotoni *. Dubito che stiano andando via.
Cosa ha detto @ChrisH.Ma aggiungerò che per quanto odi vedere qualcuno che legge semplicemente delle note, è * peggio * se non legge ma ha una scarsa padronanza della lingua, quindi si ferma, si ripete e si corregge costantemente.
#2
+26
Wrzlprmft
2016-03-13 02:04:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quindi, se un oratore prende appunti e li legge correttamente insieme alle diapositive, che aspetto avrà? Il pubblico accetterà o criticherà tali presentazioni?

Non lascerà la migliore impressione, ma sopravviverai.

Il problema più grande, tuttavia, è la parola correttamente: Leggere un discorso o un discorso in un modo che è equivalente ad ad-libbing è un'arte a sé stante e se lo hai imparato, di solito non ne hai più bisogno (a meno che tu non sia un politico, attore o simile). Se non hai esperienza in questo modo e sei nervoso, quasi certamente commetterai errori frequenti riguardo a enfasi, tono e ritmo, di solito perdendoli del tutto. Ciò renderà difficile per il pubblico seguire il tuo discorso e molto probabilmente sarà peggio che cercare di fare un discorso normale.

Un altro problema è che scrivere un discorso non è così semplice come potrebbe sembrare, come parlato la lingua differisce in modo cruciale da quella scritta: le frasi sono più brevi e più semplici; certe costruzioni grammaticali funzionano bene solo nella lingua scritta; altri aspetti sono esclusivi della lingua parlata ed essenziali per una buona conversazione. Un semplice esempio per quest'ultimo è usare la parola qui e indicare la parte corretta della proiezione.

Ecco più o meno quello che consiglio:

  • Impara a memoria la prima o due frasi del tuo discorso e memorizza gli aspetti importanti delle successive. Questo dovrebbe darti un inizio sicuro e un modo per far fronte al tuo nervosismo. Ciò che è importante è che tu abbia una transizione graduale da frasi completamente memorizzate ad ad-libbing. Se non lo fai, potresti rimanere bloccato nel punto di transizione.

  • Prova presto e spesso. In questo modo puoi individuare passaggi difficili e preparare modi per padroneggiarli, ad esempio, prendere appunti mentali su come eseguire una transizione, cercare il vocabolario che ti manca e così via.

    Dopo alcune corse, prova di fronte a un pubblico che può darti un feedback, anche se è tuo fratello di dieci anni che non capisce una parola di quello che stai dicendo e può solo commentare l'impressione che stai lasciando ( un pubblico che può darti un feedback sul contenuto è meglio però). Questo ti costringe anche a provare la situazione del discorso reale e ti impedisce di ricominciare tutto da capo regolarmente. Ancora più importante, le prove sono una delle migliori protezioni contro il nervosismo.

    Intendiamoci: prova non memorizza interamente. Un discorso che è interamente recitato a memoria è brutto come un discorso letto interamente dalle note.

  • Impara a usare le diapositive come aiuto per la memoria. Evita di inserire frasi intere nelle diapositive, perché potresti leggerle durante il tuo discorso (e nemmeno il tuo pubblico vuole leggere frasi intere).

Lo sono parlando del campo dell'Atmosfera, dove sono necessarie molte formulazioni adeguate per affrontare l'originalità del proprio lavoro.

Non sono nel tuo campo, ma sono scettico sul fatto che questo vada oltre l'uso del corretto vocabolario e parole chiave, che puoi inserire nelle diapositive come aiuto per la memoria e per raccontarle al tuo pubblico nel caso ti dimentichi di menzionarle.

#3
+16
paul garrett
2016-03-13 02:01:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Almeno nel mio campo, la matematica, negli Stati Uniti (e probabilmente nell'Europa occidentale) è stilisticamente del tutto indesiderabile leggere dalle diapositive, perché fa sembrare una persona che non abbia realmente assimilato il materiale. Del resto, di tanto in tanto mi sono chiesto chi abbia scritto quelle diapositive che l'oratore considera misteriose, sorprendenti o sconcertanti.

D'altra parte, ci sono davvero dei fallimenti anche peggiori, come diventare completamente scioccato, incoerente, attaccato dal panico, ecc. Ma questo scenario non farà una buona impressione a nessuno, in ogni caso.

Se la padronanza della lingua pertinente è così minima che si può non fare di meglio che leggere le diapositive ... potrebbe essere ancora meglio non leggere tutte le diapositive, ma solo enfatizzare i punti salienti, piuttosto che sembrare un po 'sciocco . Dopo tutto, le persone possono / leggeranno le diapositive da sole.

In particolare, idealmente, la parte audio completa il video. Sono mezzi diversi. Le formule vengono visualizzate al meglio, non pronunciate. È meglio pronunciare frasi complicate in inglese (o altro), non riempire una diapositiva con caratteri piccoli che fanno socchiudere le persone per leggerla ... La grafica va sulle diapositive ...

Non credo che leggere dalle diapositive faccia sembrare che la persona non abbia imparato il materiale. Ho sempre pensato (e la mia esperienza lo riflette) che leggere dalle diapositive è pessimo perché (1) è _ noioso_ e (2) rende chi parla abbastanza inutile. Se hai intenzione di leggere dalle diapositive, potresti anche mettere le diapositive e lasciare che il pubblico le legga da solo, ma poi di nuovo non ha molto senso farlo quando potresti semplicemente distribuire copie di un articolo stampato. Mi piacciono molto i consigli nel tuo ultimo paragrafo.
@DavidZ, se è un discorso orientato al lavoro e l'oratore "legge", mi chiedo se sanno davvero cosa c'è nelle diapositive. Interpreto approssimativamente la necessità di leggere come una sorta di inesperienza e / o incompetenza. Non ci sono vantaggi. È anche noioso, ma è solo anti-glassa sull'anti-torta.
Sono d'accordo con paul sul fatto che la lettura delle diapositive può creare l'impressione (ad esempio in me) che l'oratore non abbia imparato il materiale. Non so se questo sia particolare per la matematica o meno, ma una caratteristica della matematica è che è così vasta e tecnica che praticamente tutti hanno cose che non capiscono così come vogliono che * sono * di alcuni pertinenza a ciò che stanno presentando. Alcune persone sembrano affrontare questo problema cercando definizioni e risultati complicati e inserendoli nelle diapositive, quindi sembrano sgomenti quando vengono poste domande su di loro.
Devo aggiungere che ho visto alcuni matematici assolutamente eccellenti, tra cui un Fields Medalist, tenere discorsi in cui leggevano solo diapositive. Non ebbi affatto l'impressione che queste persone non sapessero di cosa stessero parlando; era ** solo ** noioso e deludente, rendendo il loro discorso un po 'inutile. C'è qualcosa a cui aspirare per coloro che leggono dalle loro diapositive!
In realtà, la domanda non riguarda la lettura * da * diapositive, ma la lettura di qualcosa durante la presentazione delle diapositive. È qualcosa di molto diverso e per le persone che padroneggiano il materiale ma non la lingua può essere una buona idea.
@Dirk, ah, in effetti, se necessario. Tuttavia, è consigliabile / necessario esercitarsi con l'intonazione in modo che non suoni di legno o trampoliere o insensibile, altrimenti si otterrà un effetto simile (cattivo).
@PeteL.Clark In ogni campo ognuno ha cose che non capisce completamente che sono rilevanti per il proprio lavoro o per quello che sta presentando (e non credere a chi lo nega ...): sul lato positivo, queste possono essere il prossimo passo della ricerca.
@Massimo Ho sempre pensato che per ogni campo, ciò che le persone non capiscono completamente è di solito la matematica dietro di esso.
@sgf Non proprio: negli esperimenti complessi, la matematica è solo una piccola parte;la parte più impegnativa è capire la fisica e la modellazione del sistema.I matematici e le persone che sono abituate alle simulazioni di solito sottovalutano abbastanza la difficoltà di capire cosa sta succedendo in un esperimento complesso: ad esempio, ora ho una discrepanza relativa di diverse parti in 10 ^ -7 tra due misurazioni, dove mi sarei aspettato 10^ -7 al massimo.Da dove viene questa discrepanza?È un dispositivo che non funziona correttamente?È una cattiva messa a terra?Manca un effetto di secondo ordine nel modello?
#4
+11
Dan Romik
2016-03-13 14:04:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Mi occupo di matematica e non credo di aver mai visto un oratore in una lezione di matematica leggere direttamente da appunti preparati. Ho ho visto molti oratori leggere dalle loro diapositive e, come Paul Garrett (e proprio per le ragioni che ha spiegato), penso che questa sia una cattiva pratica e dovrebbe essere evitata a tutti i costi.

Per quanto riguarda la lettura dagli appunti cartacei, ti prepari in anticipo, sebbene sia molto insolito per i discorsi tecnici, semmai sarebbe meno negativo della lettura dalle diapositive, ma se questa è un'idea ragionevole o meno dipende davvero dall'esecuzione. Alcuni oratori possono pronunciare un discorso straordinario quando leggono da un teleprompter o note scritte, ma la maggior parte di noi che non ha una formazione approfondita in questa particolare forma d'arte probabilmente finirà per dare una presentazione piuttosto secca e noiosa se proviamo a leggere dalle note.

Il mio pensiero su questo può essere riassunto con il detto non puoi battere il sistema . Offrire una presentazione efficace e coinvolgente, qualunque sia la modalità di presentazione scelta, richiede una combinazione di diverse abilità:

  1. Un buon livello di fluidità e padronanza della lingua che stai presentando in.

  2. Buona pronuncia, articolazione e proiezione vocale.

  3. Un alto livello di padronanza delle abilità specifiche relative a la modalità di presentazione prescelta (ad esempio, buona tecnica alla lavagna per un discorso alla lavagna; buona conoscenza di PowerPoint se è quello che stai usando; buona capacità di leggere efficacemente dagli appunti scritti se è quello che stai facendo; ecc.).

  4. Personalità coinvolgente e capacità di relazionarsi bene con il pubblico, nervi calmi, senso dell'umorismo, ecc.

  5. Ultimo ma certamente non almeno: conoscere bene il materiale!

Nessuna di queste abilità è facile o banale e tutte richiedono una formazione e una pratica approfondite per diventare brave. Quindi, se stai pensando di leggere dagli appunti come una scorciatoia che ti consentirà di tenere un buon discorso nonostante abbia gravi carenze linguistiche o soffri di una terribile paura del palcoscenico, ripensaci: non ci sono scorciatoie (che è ciò che intendo dicendo non posso battere il sistema). La linea di fondo è: leggere dalle note potrebbe essere l'approccio che funziona meglio per te, e non ti consiglierei di escludere l'idea, ma il punto è che dovresti ancora impegnarti molto per farlo bene e con successo. Buona fortuna!

#5
+9
DCTLib
2016-03-13 17:21:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il solo fatto di leggere ad alta voce i tuoi appunti è qualcosa che in genere non è considerato buono in molti campi (ad esempio, informatica). Ci sono molte ragioni per questo, una delle quali è che spesso sono i cattivi presentatori a farlo.

Tuttavia , mi sento obbligato a sottolineare che non c'è niente di sbagliato in farlo se in realtà migliora la presentazione. Due esempi sono:

  • Una volta ho visto un super-pezzo grosso fare questo per l'introduzione del suo discorso a una conferenza premier. L'introduzione è stata realizzata con estrema cura per inserire il lavoro in un contesto molto preciso, in un modo ben comprensibile, in brevissimo tempo, parlando in modo chiaro e lento allo stesso tempo. Dopodiché, ha continuato a parlare liberamente dei risultati effettivi del romanzo nel suo discorso. L'introduzione è stata davvero eccezionale e ha aiutato molto i ricercatori di discipline correlate a cogliere le idee principali.
  • I relatori con una lingua madre piuttosto "lontana" dall'inglese lo fanno a volte per evitare errori grammaticali durante il discorso . Se gli errori che commettono durante la libertà di parola rendono quasi impossibile capire il discorso, allora leggere dalle carte migliora il discorso.
Puoi chiarire la tua risposta con quale campo si riferisce? In alcuni campi, in particolare nelle discipline umanistiche, leggere direttamente da un testo preparato in precedenza è la norma.
@E.P. Fatto. Quello che stai scrivendo è una novità per me. Grazie del commento.
#6
+4
WoJ
2016-03-13 21:49:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono d'accordo nell'evitare di leggere le note per i motivi già suggeriti (Death By Powerpoint è uno di questi).

Durante la presentazione (non importa quanto piccolo o grande sia il pubblico) utilizzo diapositive con una o due parole (o un'immagine) per aiutarmi a tenere traccia della presentazione piuttosto che per intrattenere il pubblico.

Uso quindi una tecnica usata dagli oratori romani ( ha il suo grazioso nome che Mi sono dimenticato Metodo dei loci, grazie @MassimoOrtolano) di camminare mentalmente in una casa da una stanza all'altra e allegare "cose ​​che devo dire" agli elementi in quella stanza. Mi aiuta anche a programmare la presentazione (di solito sono entro 2-3 minuti per una presentazione di un'ora)

È il [_method of loci_] (https://en.wikipedia.org/wiki/Method_of_loci).
@MassimoOrtolano: esattamente, grazie. Ho aggiornato la mia risposta.
#7
+3
Aurora A
2016-03-14 02:04:55 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho seguito un corso di discorso un paio di anni fa e il mio insegnante ci ha insegnato che non dovremmo leggere i nostri appunti durante le presentazioni.

È molto noioso e perderai credibilità in ciò di cui stavi parlando . È meglio avere un oratore che sia impegnato e sappia di cosa stanno parlando in modo che il pubblico possa ascoltare. Ciò richiederebbe molte ore per esercitarsi. Credo che un buon esempio che ha fatto questo sia Martin Luther King. Trascorreva ore e ore a prepararsi per il suo sermone domenicale.

#8
+3
Samantha Wiggens
2016-10-18 23:09:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Qualcuno ha parlato di "prova"? Guarda i discorsi di TED, o qualsiasi buon oratore, che tu ammiri o meno il loro punto di vista. Presta attenzione alla presentazione, piuttosto che all'argomento. E prova. Un collega può aiutarti a ottenere i tuoi punti, ma un manager (o un professore) può aiutarti a ottenere i tuoi punti. Le critiche da queste fonti sono benvenute, mentre le critiche dal tuo pubblico di destinazione non lo sono. Quindi, prova.

#9
+2
bantandor
2016-03-12 17:54:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quello che ti consiglio è di presentare nel miglior modo possibile e di% 10 per cento di ogni diapositiva che puoi leggere o semplicemente di scorrere velocemente mentre parli. Come ha detto @Massimo, ascoltare una presentazione che un presentatore ha letto dalle diapositive non è affatto carino.

#10
+1
Janel Larue
2016-03-16 09:57:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Durante le lezioni di discorso che ho seguito al college, avevo appunti con degli appunti nel caso avessi dimenticato o avessi bisogno di aggiungere qualcosa relativo a quella situazione. Quindi credo che sia bene leggere le note, ma meglio non leggerle parola per parola. Dovresti tenere gli occhi sul tuo pubblico e non distrarlo con movimenti improvvisi o annoiarlo mentre leggi i tuoi appunti.

#11
  0
Graham Perrin
2016-03-14 13:33:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Due esempi relativamente estremi.


Divagazione dalle note

Considera Bryan Cantrill su Jail e Solaris Zones | Papers We Love (2016/02/11) - 105 minuti di discussioni entusiasmanti e veloci attorno a una presentazione di 44 diapositive.

Quanto velocemente? Il commento sotto https://www.youtube.com/watch?v=hgN8pCMLI2U include un desiderio che l'oratore rallenti un po '; l'oratore scherza dicendo che " rallentare è ammettere la sconfitta". Non ci sono né sottotitoli né trascrizioni (potrei scherzare sul fatto che il ritmo della discussione sconfigge la volontà della maggior parte dei potenziali trascrittori); se parlato a un ritmo più "tradizionale", ritengo che la discussione avrebbe potuto durare tre ore o più.

È bene leggere appunti durante una presentazione?

A un certo punto, Cantrill sembra per trattenerlo - uno delle divagazioni (dalle prigioni di FreeBSD) termina con una salutare menzione di Robben Island e mentre gli appunti del presentatore sono in tribuna, il reining coinvolto nessun uso visibile di quelle note . Invece, c'è:

  • il presentatore visibile si concentra sulla visualizzazione della presentazione da parte del pubblico .

In tutti gli altri momenti, il pubblico gode dell'attenzione del presentatore sul pubblico; sul suo mantenere il loro impegno con ciò che viene discusso.


Attenzione alle note

DCTLib ha osservato:

... in una conferenza premier. L'introduzione è stata realizzata con estrema cura per inserire il lavoro in un contesto molto preciso, in modo ben comprensibile, in un tempo molto breve, parlando in modo chiaro e lento allo stesso tempo. Dopodiché, ha continuato a parlare liberamente dei risultati effettivi del romanzo nel suo discorso. L'introduzione è stata davvero eccezionale e ha aiutato molto i ricercatori di discipline correlate a cogliere le idee principali.

Torna alla domanda di apertura:

È bene leggere le note durante una presentazione?

Per un'introduzione del tipo descritto da DCTLib: sì, può essere molto buono da fare così.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...