Domanda:
Una persona che una volta ha sostenuto la pseudoscienza o le teorie del complotto può mai essere considerata di nuovo una fonte credibile?
user8600
2020-04-24 23:40:52 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Tutte le scienze mi sembrano spietate. Se fai anche una sola affermazione che si rivela falsa, sembra che tu non abbia alcuna possibilità di recuperare la tua carriera. Ho sentito parlare di molte storie di scienziati e accademici affermati che hanno perso le loro credenziali dopo aver fatto affermazioni che sono state respinte dall'inizio o successivamente smentite. Non ho mai sentito una storia di qualcuno che si "riscatta" e si guadagna il rispetto in alcun campo intellettuale. Tutto questo fa sembrare che anche un semplice errore possa distruggere la tua carriera per sempre.

Allora dimmi, c'è qualche percorso per qualcuno che a un certo punto della sua vita ha sostenuto teorie del complotto o qualcos'altro ovviamente falso può prendere per riconquistare il rispetto? Ho notato molti psicologi affermare che le teorie del complotto sono senza speranza e impossibili da "curare". Le scienze sono solo completamente intolleranti all'imperfezione o esprimono una certa misericordia?

Potresti chiarire cosa intendi per "teorie del complotto"?Se è la cospirazione del tram GM, è una cosa diversa rispetto a se fosse che la regina Elisabetta è un rettile.
-1 Metà di questa domanda riguarda il fare "affermazioni che si rivelano false" e l'altra metà riguarda la pseudoscienza / teorie del complotto.Molto non ha senso.Per favore concentrati sull'uno o sull'altro.
I commenti non sono per risposte né per discussioni estese;questa conversazione è stata [spostata in chat] (https://chat.stackexchange.com/rooms/107280/discussion-on-question-by-user8600-can-a-person-who-once-supported-pseudoscience).
D'accordo con @Azor Ahai.La domanda dovrebbe concentrarsi su teorie del complotto / ciarlatano o teorie / affermazioni che si sono rivelate sbagliate.Sfortunatamente il mio commento è stato eliminato, ma la domanda dovrebbe essere modificata per chiarezza.
Dodici risposte:
#1
+60
jakebeal
2020-04-24 23:58:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Consentitemi di rispondere ribaltandola: solo perché qualcuno non ha supportato le chiacchiere ovvie non significa che abbia nemmeno vagamente ragione.

Una delle bellezze di la scienza è che, in fin dei conti, le persone non hanno importanza per la validità del materiale. Finché un documento presenta un argomento chiaro, puoi valutarlo da solo, indipendentemente dal fatto che sia stato presentato da un famoso pazzo o da un anziano eroicamente venerato.

Ciò significa che qualcuno può essere ridicolmente sbagliato in un settore - anche al livello di folli teorie del complotto - e comunque ben rispettato in un altro, attraverso la magia della compartimentazione mentale e della dissonanza cognitiva.

Ho avuto un'esperienza diretta di questo come un giovane studente laureato: una delle prime conferenze a cui ho partecipato è stata una riunione di sistemi complessi con una politica molto libera di accettazione: fondamentalmente avevi essere sano di mente per tenere un discorso, ma anche i pazzi potrebbero partecipare alla sessione poster. Ero già carico di aver ascoltato in precedenza le note chiave di luminari seriamente famosi, quando sono entrato nella sessione poster e ho incontrato un matematico rispettato con un poster che spiegava la connessione tra frattali e pace, supportato da poesie che imploravano di usare l'ipotenusa e non le gambe del triangolo per amore della pace. Completo senza senso. Questa persona, tuttavia, è apparentemente un ricercatore rispettato nel proprio campo: se ne vanno e lasciano sventolare la loro folle bandiera in certi altri posti.

Detto questo, se sai che qualcuno ha andato a crazy-town, faresti sicuramente bene a esaminare i loro argomenti e citazioni con molta attenzione. Tuttavia, in fin dei conti, l'unica macchia veramente irrecuperabile è la falsificazione, perché allora le persone non possono più valutare i tuoi argomenti senza chiedersi se i dati sono semplicemente fittizi.

Vengono facilmente in mente William Shockley (invenzione del transistor) e Robert Lee Moore (matematico americano).
[Jack Parsons] (https://en.wikipedia.org/wiki/Jack_Parsons_ (rocket_engineer)) è un altro.
* "Una delle bellezze della scienza è che, in fin dei conti, le persone non hanno importanza per la validità del materiale" * - questo sarebbe l'ideale.Ma nella vita reale, gli esseri umani non sono perfetti e la scienza stessa a volte è afflitta da pregiudizi ideologici e politici.
@vsz E sotto le loro influenze, a volte la giornata è davvero lunga, * eppur si muove *
Isaac Newton studiò anche l'occulto e l'alchimia.In sua difesa, non era così folle allora come lo è adesso, ma anche allora c'era un ampio divario tra i suoi studi di matematica e fisica e alcune delle sue altre attività.
@RobertColumbia Jack Parsons era un occultista adoratore del diavolo, ma non sono sicuro che avere credenze religiose non standard ti qualificherebbe come "pazzo".
@TimothyAWiseman la connessione di Newton e l'occulto non mi sorprende affatto, poiché interi fondamenti della matematica nell'antica Grecia erano trattati come un mistero un po 'esoterico da Pitagora et al.Forse è la stessa eccitante sensazione di mistero che guida sia la scienza rigorosa che il vero e proprio occultismo.
@vsz Suggerire che gli scienziati siano persone soggette a ideologie e pregiudizi, è visto come un'eresia da alcune persone.Ironia della sorte, la scienza ha raggiunto uno status simile alla religione per alcune persone in cui tutto ciò che viene pubblicato "in uno studio", indipendentemente dalla qualità, è considerato come "la sola e unica verità".
#2
+32
Rahul
2020-04-25 11:26:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La pseudoscienza e le teorie del complotto sono una cosa, ma il paragrafo iniziale rivela una preoccupazione molto più profonda ...

Tutte le scienze mi sembrano spietate. Se fai anche una sola affermazione che si rivela falsa, sembra che tu non abbia alcuna possibilità di recuperare la tua carriera. Ho sentito parlare di molte storie di scienziati e accademici affermati che hanno perso le loro credenziali dopo aver fatto affermazioni che sono state rifiutate dall'inizio o successivamente smentite. Non ho mai sentito una storia di qualcuno che si "riscatta" e si guadagna rispetto in alcun campo intellettuale. Tutto questo fa sembrare che anche un semplice errore possa distruggere la tua carriera per sempre.

... che è falso. Controlla la categoria fare la cosa giusta su RetractionWatch. Ad esempio,

  1. "Sono rimasto scioccato. Mi sono sentito male fisicamente. " E comunque ha corretto il record.

    Strand dice a Retraction Watch che la risposta alla sua auto-lustrazione è stata:

    incredibilmente incoraggiante. Non sapevo che tipo di reazione avrebbe avuto, ed è stato fantastico vedere un tale supporto. Volevo condividere la storia in modo che le persone potessero vedere che ammettere un errore non necessariamente pone fine alla tua carriera; è un ulteriore vantaggio che ora le persone possono vedere l'effusione di sostegno per la trasparenza. Questa esperienza sarebbe stata meno impegnativa se avessi avuto modelli di ciò che potrebbe accadere e di come avrebbe reagito la comunità scientifica. Sebbene questa sia stata un'esperienza difficile, sarò molto contento se renderà più facile per qualcun altro fare la cosa giusta in futuro.

  2. "Encomiabile": i ricercatori ritrattano un articolo quando trovano errori di sequenza genica

    Oliver Pybus, l'editore di Virus Evolution, ha elogiato sia gli autori che i ricercatori chi ha generato i dati originali e poi ha corretto le sequenze:

    [L] apertura e reattività sono state encomiabili.

    Le sequenze di GenBank vengono occasionalmente aggiornate. Ma è forse insolito che i cambiamenti di sequenza abbiano portato a modifiche così sostanziali alle conclusioni dell'articolo.

    La mia opinione è che i vantaggi della condivisione dei dati genomici superano di gran lunga i costi occasionali, come questo. Tutti hanno agito in buona fede e il sistema si è auto corretto rapidamente.

  3. "Ecco come funziona la scienza:" L'errore porta al ricordo di un articolo che collega Jon Stewart e i risultati delle elezioni

    Come riflette il feed di Twitter, Porter e Wood hanno ricevuto elogi per la gestione dell'errore. Ecco una risposta di un follower, Michael Spagat:

    Vedere questo è il momento migliore della mia giornata finora. Sembra che tutte le persone coinvolte in questo si siano rese orgogliose. Vorrei che questo genere di cose fosse routine.

#3
+29
Buffy
2020-04-24 23:55:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

C'è una differenza tra fare un errore scientifico se stai cercando di seguire onestamente le prove e la pura disonestà intellettuale. Spingere le teorie della cospirazione non è certo una scienza valida, ma in qualche modo "sbagliata".

Molte persone commettono errori scientifici e sono abbastanza oneste da ammetterlo e accettare le prove scientifiche quando emergono.

Molte altre persone spingono (ciò che chiamano) "teorie" senza prove, ma con una sorta di agenda politica, economica o sociale.

Gli errori non hanno bisogno del "perdono". Una persona ammette semplicemente che la sua scienza era difettosa. Forse un campione non rappresentativo. Ma spingere le cose senza prove valide a causa di alcuni programmi richiede che la persona cerchi il perdono poiché può fare un grande male. Dovremmo iniettare Clorox per "curare" covid-19? Prova? La gente muore per tanta stupidità. Il perdono potrebbe tardare ad arrivare.

Segui la scienza e non preoccuparti troppo del fatto che si verifichino errori. Ma hai bisogno della dovuta diligenza nelle tue attività scientifiche. La sciatteria non è una virtù. Non puoi aspettarti di essere onorato se sei sciatto.

Detto questo, ci sono state alcune persone che hanno "visto la luce" dopo un periodo di disavventura. Potrebbero essere in grado di trovare una strada per tornare alla rispettabilità. Alcuni l'hanno fatto, ma è una strada difficile.

* Agenda * è la parola qui.La maggior parte delle teorie del complotto ha uno strato di ordine del giorno che non ha nulla a che fare con la verità sottostante.Una volta che si è contaminati con la reputazione di cui si sacrifica la conoscenza scientifica per guidare la propria agenda, è molto difficile sbarazzarsi di questo.Come dovrebbe essere.
Mi piace pensare che se un ricercatore facesse affermazioni imbarazzanti, e poi cercasse un trattamento per la salute mentale e successivamente respingesse quelle stesse affermazioni, la comunità scientifica non rifiuterebbe la ricerca successiva senza controllo.
Anche la maggior parte delle soft science ha dietro di sé uno strato di agenda, ma questi ricercatori non vengono screditati.Sfortunatamente, anche la scienza è stata sostituita dalla politica o dal denaro.Qualcuno che sostiene l'attuale consenso non viene sfidato troppo duramente, ma coloro che offrono alternative all'attuale consenso sono di routine etichettati come marginali e teorici della cospirazione.Il fatto è che la stragrande maggioranza della scienza nel corso della storia è stata smentita, molte volte dimostrando che il lavoro da pazzi è corretto.È un dato di fatto, la scienza non ha MAI dimostrato che nulla fosse corretto.Tutto ciò che la scienza può fare è dimostrare che le cose sono sbagliate.
I matematici di @Dunk: dimostrano sempre che qualcosa è corretto.
@Dunk, "La maggior parte delle scienze morbide ha uno strato di agenda dietro di sé".Questa è la tua area di competenza?
@Buffy, se hai mai letto un articolo sugli studi di genere, lo saprai molto vero di quella disciplina.Ma penso anche che non sia vero per la maggior parte dei rami della psicologia, almeno dalla mia esperienza.Ancora più importante, vale la pena notare che il semplice fatto di avere un'agenda non (o non dovrebbe) squalificare i contributi intellettuali di nessuno.La cosa fondamentale che tutti dobbiamo fare in un contesto scientifico è dire bassa ambiguità, cose verificabili e onesto riguardo alle prove.Siamo autorizzati ad avere un'agenda fintanto che seguiamo questi due principi di base.Penso che sia molto importante.
Inoltre, un terzo principio molto importante è cercare di distinguere tra affermazioni descrittive e normative e non mescolare le due.Se penso che il sessismo sia negativo, ad esempio, va bene, ma se poi inizio a mescolare l'ipotesi che il sessismo sia negativo in frasi che riguardano domande descrittive, come se esiste un divario retributivo, è negativo.Dovrei suddividere i miei punti in due frasi diverse, in modo che un lettore possa essere d'accordo con un punto ma non essere d'accordo con l'altro più facilmente.Penso che sia importante parlare in modo fragile e non confondere le cose in un modo che mina le critiche appropriate.
@Jan Vero, anche se molte persone non considerano la matematica una scienza.Con mia grande frustrazione, il bar dei brevetti in particolare non vede la matematica come una scienza almeno non ai fini del bar dei brevetti.
La matematica applicata @TimothyAWiseman, può essere una scienza, ma non la matematica pura.I processi sono completamente diversi.Il brevetto è coinvolto nelle invenzioni.La matematica è coinvolta con le idee.Questa è la distinzione chiave.E "inventiva" non è la stessa cosa di "invenzioni".
@Jan Solo se un certo insieme di assiomi non dimostrabili è corretto!
@MatthewWells In realtà, questo non è nemmeno strettamente necessario per la maggior parte del tempo (un po 'confuso!).In effetti, i matematici tendono a dimostrare i risultati della forma "se [questo] allora [quello]".Quindi la validità di [questo] non è necessaria perché l'implicazione sia vera - infatti, se [questo] è falso, allora l'implicazione è banalmente vera!(una dichiarazione falsa implica qualsiasi affermazione).Tali ipotesi di solito non sono dichiarate esplicitamente (non si ricava tutto per ogni articolo!), Ma sono implicitamente lì.Naturalmente, le affermazioni che si basano su presupposti errati non sono così utili / utili!= P
Gli assiomi @MatthewWells, non sono né corretti né errati.Sono semplicemente le dichiarazioni di base su cui si possono fare detrazioni.Si "presume che siano vere" ai fini di un argomento e sono al di fuori del mondo della verifica.Puoi cambiare gli assiomi se lo desideri e inventare una matematica diversa.Esplora [Analisi non standard] (https://en.wikipedia.org/wiki/Nonstandard_analysis) per esempio.
#4
+17
Maarten Buis
2020-04-24 23:54:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Puoi commettere errori onesti e va bene. Puoi fare tutto bene, ma sulla base di dati successivi la tua conclusione potrebbe essere sbagliata. Questo va benissimo. Ciò che è veramente problematico è barare, plagio o inventare dati. Questo è un killer di carriera, e così dovrebbe essere.

Per quanto riguarda la pseudoscienza o le teorie del complotto, dipende da quando le hai supportate e come. Se l'hai fatto da adolescente, solleverà alcune sopracciglia, ma con ogni probabilità è tutto ciò che accade. Se li hai supportati quando avresti dovuto conoscerli meglio, allora avresti dovuto conoscerli meglio ...

#5
+13
user120011
2020-04-25 01:07:23 UTC
view on stackexchange narkive permalink

A nessuno importa se fai affermazioni errate, solo se fai affermazioni fraudolente. Il sbagliato fa parte della scienza. Frode e pseudoscienza non hanno senso.

Per quanto riguarda l'effetto, dipende da quanto è ben posizionato lo scienziato quando l'assurdità colpisce il fan. Molti professori saranno in grado di gestire una moderata quantità di frode perché conoscono le persone. Non va bene per una carriera, ma è davvero difficile solo per i ricercatori all'inizio della carriera.

È difficile provare una frode. Ci sono voluti circa 3 anni e un sacco di lavoro da parte di dozzine di persone per ottenere il ritiro forzato di Brian Wansink dalla Cornell e tutta la sua stupida carriera è stata una frode (ed è stato abbastanza stupido da fischiare su se stesso per sbaglio). Dobbiamo tutti sopportare che Jim Watson sia nelle notizie per le sue sciocchezze razziste idiote, anche se non è uno scienziato da 20 anni.

Intendi [James Watson per le sue sciocchezze razziste idiote] (https://www.wired.com/story/james-watson-and-scientific-racism)?
ehm, non sono gli stessi nomi?Il pilota di Star Trek risale a 53 anni fa.Posso capire che le persone che non conoscono Ian, John, Jan, Jack hanno lo stesso nome, ma Jim e James?
#6
+5
Ivana
2020-04-25 14:41:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non il mio campo, ma un esempio di alto profilo di un pasticcio accademico è quello di uno studio economico che si è rivelato difettoso perché gli autori hanno commesso un errore in MS Excel. solo un errore accademico o perché lo studio è stato utilizzato per basare la politica.

Per quanto posso trovare su scholar.google.com, gli autori stanno ancora pubblicando. Probabilmente la loro reputazione ha subito un colpo, ma non era la fine di due carriere e non dovrebbe essere perché è stato un errore onesto.

#7
+1
Deborah Boutland
2020-04-25 17:14:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

No, non fino a quando non saranno stati verificati e dimostrati credibili molte volte in futuro. Nessuno dovrebbe essere accettato come totalmente credibile, vale a dire controllare la fonte e la scienza dietro l'affermazione.

Non sono così pessimista.Normalmente sono d'accordo con te, ma ci sono casi di chiara conversione e una chiara tendenza ad allontanarsi dalla ciarlataneria.Forse "fidati ma verifica" è appropriato in alcuni casi.
#8
+1
allo
2020-04-25 20:10:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sì, ma per lui sarà molto più difficile.

Nella scienza, dovresti giudicare una fonte in base a criteri oggettivi e non in base all'autorità (chi è l'autore). Ciò significa che quando qualcuno che dice molte sciocchezze scrive un buon articolo, questo articolo può essere una buona fonte.

Ma la maggior parte delle persone non si preoccuperà di valutare un articolo in profondità, quando sanno già che l'autore ha sostenuto la pseudoscienza e altre sciocchezze in passato.

Ebbene, una persona che ha sbagliato si troverà in svantaggio in un dibattito in cui è consentita l'argomentazione ad hominem.
@EvilSnack Questo non è un attacco diretto ad hominem.Ad hominem è puramente personale e estraneo al punto sollevato.Se le proprietà personali utilizzate sono precedenti esperienze di documenti di questa persona che utilizzano dati selezionati o ignorano argomenti che non potevano affrontare, non è estraneo essere più cauti dei loro risultati.
In realtà lo è."P è vero perché X.""Non darmi questo. Il signor A lo dice, e ha detto Q perché Y, e sappiamo che è sbagliato."
#9
+1
Tom
2020-04-26 18:44:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

A causa della difficoltà della scienza, ci sono purtroppo molti esempi di persone che hanno dato contributi sostanziali in un campo e poi hanno minacciato di minare la loro reputazione (o addirittura di minarla) sposando sciocchezze in qualche altro campo.

Jordan ha dato un contributo fondamentale alla QFT e alla meccanica quantistica, esponendo allo stesso tempo teorie della geologia che erano prive di senso.

Broca è noto per le sue scoperte in anatomia e ha anche lanciato sciocchezze razziste nel suo lavoro pseudoscientifico sull'antropologia.

Henry Heimlich ha notoriamente inventato la manovra di Heimlich e poi minato la sua reputazione promuovendo un trattamento chiamato malariaterapia, in cui le persone venivano intenzionalmente infettate con basse dosi di malaria nella convinzione che le avrebbe curate dal cancro e AIDS. La sua reputazione era così minata che la Croce Rossa americana ora apparentemente si riferisce alla manovra come alla "spinta addominale".

Anche il famigerato esempio di Linus Pauling che ha fatto un lavoro vincitore del Premio Nobel sulla chimica e poi ha continuato promuovere visioni pseudoscientifiche sulle proprietà curative di grandi dosi di vitamina C.

Questa risposta non sembra rispondere alla domanda?Stai menzionando persone che hanno perso la loro reputazione a causa della pseudoscienza, ma non quelle che hanno riabilitato la loro reputazione in seguito.
#10
+1
h22
2020-04-27 12:02:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La genetica, l'informatica, i buchi neri e l'intelligenza extraterrestre sono stati tutti chiamati "pseudoscienza" in vari luoghi in vari periodi della storia della scienza. Penso che non dovrebbero essere "argomenti proibiti" nella ricerca che rovinano l'onore se solo menzionati.

L'unica attività che rovina la reputazione del ricercatore è la falsificazione intenzionale dei risultati sperimentali. Se il lavoro non segue il metodo scientifico in generale, il revisore dovrebbe preoccuparsene. Pubblicare qualcosa di strano su una stampa non scientifica non è una scienza ma solo un'attività di hobby del ricercatore e normalmente non dovrebbe avere un impatto molto sulla reputazione.

* Genetica, informatica, buchi neri e intelligenza extraterrestre sono stati tutti chiamati "pseudoscienza" in vari luoghi in vari periodi della storia della scienza * - puoi confermarlo con prove?
Vedi https://en.wikipedia.org/wiki/Lysenkoism, https://en.wikipedia.org/wiki/Cybernetics_in_the_Soviet_Union e https://podcast.sjrdesign.net/shownotes_150.php.
Sono a conoscenza delle campagne politiche contro la genetica in Unione Sovietica, se questo sia come chiamarla pseudoscienza è una questione di interpretazione.
La storia esiste quindi possiamo imparare da essa.
#11
+1
Barker
2020-04-28 05:25:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vorrei fornire un controesempio che mostra che credere in idee folli non significa sempre la fine della tua carriera. Ho svolto la mia ricerca di dottorato presso il Dipartimento di biochimica di Stanford, che ospitava Arthur Kornberg; Premio Nobel per la sua scoperta della DNA polimerasi. Nella sua carriera successiva, divenne ossessionato dal fosfato inorganico, che riteneva fosse la chiave per comprendere le origini della vita. Le sue prove per questo erano tutt'altro che convincenti e ogni anno, quando la facoltà presentava la propria ricerca a nuovi dottorandi, si vedevano tutti gli altri docenti rabbrividire mentre presentava il suo laboratorio.

Nonostante le sue opinioni eccentriche lui era ancora molto rispettato e spesso gli veniva chiesto di parlare in altre università. Quando lo faceva, si rifiutava di parlare di altro che di fosfato inorganico e se qualcuno cercava di convincerlo a parlare di DNA polimerasi, lo chiamava una "distrazione precedente" e si rifiutava di parlarne ulteriormente. Ciò significava che non riceveva un sacco di impegni di discorso ripetuti, ma teneva comunque lezioni, era ancora un ricercatore attivo nel dipartimento di biochimica e trovava comunque studenti disposti a fare ricerche nel suo laboratorio per avere un premio Nobel nel loro CV. / p>

#12
+1
Ian Sudbery
2020-04-28 16:06:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che dobbiamo distinguere ciò che intendiamo per reputazione e credenziali:

La scienza non si basa realmente su credenziali o reputazione. Almeno in thoery, i documenti, ecc. Sono giudicati in base al merito del materiale contenuto al loro interno, non sull'identità della persona che li presenta (concesso, ai grandi nomi a volte viene data una guida più facile, ma il problema qui è che è troppo facile per grandi nomi, non che sia troppo difficile per tutti gli altri).

Tutta la scienza è solo un'approssimazione alla verità e qualsiasi articolo sarà smentito in qualche aspetto, se si ha abbastanza tempo.

Commetti un errore o sostieni una teoria folle: sarai comunque in grado di pubblicare, richiedere borse di studio, insegnare agli studenti (a condizione che la tua teoria folle non dia l'impressione di voler rendere gli studenti insicuri ).

Ma questa è scienza. Gli scienziati godono anche di una certa reputazione e autorità al di fuori dell'effettiva esecuzione di esperimenti. Potrebbe essere chiesto loro di valutare le decisioni politiche, o parlare con i media, o chiedere di tenere discorsi o scrivere libri per il pubblico. Potrebbe essere chiesto loro di passare alla dirigenza di un'università per essere un capo di dipartimento, o un preside, o un presidente ecc.

Qui sostenendo la pseduo-scienza o facendo gravi errori nel tuo lavoro scientifico probabaly fa duraturo e difficile da recuperare dai danni.

La differenza è che nel primo caso la tua autorità per fare un reclamo si basa sui dati, mentre nel secondo caso trai la tua autorità dalla tua reputazione.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...