Domanda:
È considerato normale pubblicare offerte di lavoro che invitano i candidati a fare domanda in base al loro genere e / o razza nel mondo accademico?
FranciscoHernandez
2017-08-24 21:08:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Stavo sfogliando offerte di posti di dottorato in Europa su diversi siti web e sono rimasto piuttosto sorpreso di scoprire che diverse offerte contenevano frasi come

L'università di X valuta l'uguaglianza e la diversità. Incoraggiamo fortemente le donne e i candidati BAME per questa posizione.

dove BAME sta per neri, asiatici e minoranze etniche; oppure

Il gruppo di ricerca mira ad aumentare il numero di donne in posizioni scientifiche. Le candidate donne sono quindi incoraggiate a fare domanda.

È considerato normale nell'ambiente accademico discriminare tra i candidati in base alla loro razza e / o sesso per motivi "egualitari"?

In che modo la scelta di un candidato in base al suo genere e / o razza è considerata "egualitaria"?

I commenti non sono per discussioni estese;questa conversazione è stata [spostata in chat] (http://chat.stackexchange.com/rooms/64382/discussion-on-question-by-franciscohernandez-is-it-considered-normal-to-publish).Ulteriori commenti sono soggetti a cancellazione.
Nove risposte:
#1
+127
Wolfgang Bangerth
2017-08-24 21:57:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Queste affermazioni, in molte varianti, sono abbastanza comuni. Ma non sono discriminatorie, come suggerisci (le università non "discriminano i maschi bianchi"). Tutto ciò che si dice - e questo è vero nella pratica nelle discussioni dei comitati di assunzione - è che le donne e le altre minoranze sono specificamente incoraggiate a candidarsi. Ciò non implica che ottengano trattamento o preferenza speciale . È semplicemente una reazione al fatto (statisticamente dimostrato dalla ricerca) che le donne raramente si candidano per lavori che non percepiscono come una "misura perfetta" mentre gli uomini lo fanno. Quindi, se un comitato ha un gruppo di candidati in cui nessuno è perfetto, il più delle volte viene assunto un uomo perché semplicemente non ci sono abbastanza donne in piscina.

Vedi: Perché le donne don Non fare domanda per lavori a meno che non siano qualificati al 100%.


Voglio anche commentare uno dei tuoi commenti mentre siamo qui. Dichiari

Penso che le offerte di lavoro dovrebbero concentrarsi solo sulle capacità del candidato indipendentemente dal suo background e sesso.

Questo è vero, ma come definisci "abilità"? Usiamo invece "qualifica". Se sei, ad esempio, un tipico dipartimento di matematica in cui il 50% degli studenti universitari sono donne, il 35% degli studenti laureati sono donne, ma solo il 20% dei docenti di ruolo sono donne, non farebbe parte delle qualifiche che stai cercando in un candidato è che quella persona è un buon mentore per molti degli studenti del tuo dipartimento? Non diminuisce la qualità del dipartimento nella sua capacità di insegnare e fare da mentore se ogni singola facoltà fosse un maschio bianco ? È importante riconoscere che il ruolo della facoltà si estende oltre la semplice scrittura di articoli su riviste oscure; "qualificazione" è un termine che dovrebbe essere inteso in modo molto più ampio di quanto si possa pensare.

(Penso sia importante dire che il ruolo delle donne nei dipartimenti di matematica non è quello di essere presenti come mentori. Voglio solo dire che voglio che la diversità faccia parte delle molte considerazioni al momento di decidere chi è "il più qualificato "per un lavoro.)

I commenti non sono per discussioni estese;questa conversazione è stata [spostata in chat] (http://chat.stackexchange.com/rooms/64383/discussion-on-answer-by-wolfgang-bangerth-is-it-considered-normal-to-publish-job).Ulteriori commenti sono soggetti a cancellazione.
La pagina della chat ha un discreto numero di commenti che affermano che i maschi sono discriminati nel mondo accademico.Ecco un contrappunto con prove reali: https://www.wired.com/story/why-men-dont-believe-the-data-on-gender-bias-in-science/
#2
+62
Dan Romik
2017-08-25 02:27:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Hai posto tre domande molto distinte (una nel titolo della domanda e due nel corpo). Ho fatto del mio meglio per rispondere nel modo più concreto e letterale possibile.

Dichiarazione di non responsabilità: commento le tue domande sul fatto che alcune cose siano "normali". Niente di ciò che scrivo di seguito deve essere interpretato come un'espressione di opinione sul fatto che tali attività siano morali o immorali, etiche o non etiche, buone o cattive per la società, ecc.

  1. È considerato normale pubblicare offerte di lavoro che invitano i candidati a fare domanda in base al loro genere e / o razza nel mondo accademico?

Sì, negli Stati Uniti questo è abbastanza normale questi giorni. Ad esempio, l'Università della California, uno dei più grandi (se non il più grande) sistema universitario pubblico negli Stati Uniti, ha un documento politico intitolato Linee guida per l'azione affermativa dell'Università della California per il reclutamento e la conservazione dei docenti. Nella sezione intitolata "Best practice per il reclutamento dei docenti" (pagine 4-5) si trova l'affermazione:

[...] È anche coerente con la politica e gli obblighi dell'Università come un appaltatore federale per gli annunci per affermare che "tutti i candidati qualificati sono incoraggiati a presentare domanda, comprese le minoranze e le donne".

Nella mia esperienza personale, tali dichiarazioni negli annunci di lavoro, a l'Università della California e altrove, sono abbastanza comuni negli Stati Uniti oggigiorno.

Consulta anche questa pagina web per maggiori dettagli e contesto sulle relative politiche dell'Università della California.

  1. È considerato normale nell'ambiente accademico discriminare i candidati in base alla razza e / o al sesso per motivi "egualitari"?

No, la discriminazione dei candidati in base alla razza e al sesso non è considerata normale. È anche illegale negli Stati Uniti per quanto ne so, quindi anche nella misura in cui viene praticata tale discriminazione (che non sono a conoscenza del caso), è improbabile che trovi qualcuno che ammetta apertamente che è normale.

Dovrei notare che la tua domanda è formulata come una domanda complessa, rendendo difficile rispondere in modo diretto. Nel titolo stai chiedendo la pratica di inserire una dichiarazione che incoraggia le donne e le minoranze sottorappresentate a candidarsi in un annuncio di lavoro; la domanda di follow-up nel corpo del post chiede di "discriminare i candidati", creando l'impressione che la pratica descritta nel titolo della domanda sia la discriminazione a cui ti riferisci. Tuttavia, per quanto ne so, tali affermazioni negli annunci di lavoro non sono legalmente considerate "discriminazione", nonostante tu insinui che sia quello che sono.

  1. Come la scelta di un candidato in base al suo sesso e / o razza è considerata "egualitaria"?

Ancora una volta, questa è una domanda complessa basata sulla premessa (quasi del tutto errata, per quanto ne so) che i candidati vengono selezionati in base al loro sesso e / o razza e che questa pratica è giustificata dalle persone che effettuano la selezione sulla base del fatto che è "egualitario". Questa premessa è abbastanza lontana da ciò che sta realmente accadendo. Per lo meno, come ho detto, dal momento che la pratica sarebbe illegale, chiunque ne faccia parte non sarebbe così aperto sul proprio comportamento come sembra suggerire la tua domanda; piuttosto, nello scenario in cui si verificava un'effettiva discriminazione, i discriminatori avrebbero semplicemente fingere che la candidata meno qualificata che avevano selezionato fosse più qualificata del candidato maschio che avevano superato anche se non lo era, e non parlerebbero molto di egualitarismo. E questo è anche supponendo che questo tipo di discriminazione stia effettivamente avvenendo, cosa che come ho detto non ho prove è il caso.

I commenti non sono per discussioni estese;questa conversazione è stata [spostata in chat] (http://chat.stackexchange.com/rooms/64425/discussion-on-answer-by-dan-romik-is-it-considered-normal-to-publish-job-offerte).
Come ho accennato in un commento a parte, la discriminazione è in effetti legale (e credo non rara) in un certo numero di paesi europei, almeno se i candidati sono ugualmente adatti a un ruolo.
#3
+12
WoJ
2017-08-26 21:59:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È legale, forse considerato normale, ma alla fine gioca contro questi gruppi "discriminati positivamente".

I dati che posso fornire sono due grandi organizzazioni internazionali che hanno avviato programmi di diversità e li hanno pubblicizzati pesantemente. Una mia cara amica che è stata brillante ha trovato un lavoro in uno di loro ed è stata quindi abitualmente percepita come "entrata grazie al programma di diversità".

È stato davvero straziante vedere quante donne (queste erano gli anni '00, quindi i programmi di diversità erano più mirati alle donne) erano ora etichettate come "era più facile per lei arrivarci che per noi" . A volte veniva etichettato come la nuova terza scala di promozione (prima era manageriale, tecnico e di base, ora anche "diversità").

Il mio amico ha finalmente lasciato l'organizzazione per entrare in una piccola azienda.

Sono un tecnico della tecnologia e vedo sempre questo modo di pensare. Forse meno ora che la nostra cultura (Europa occidentale) diventa meno patriarcale ma ancora. Sottolineare nelle aperture di lavoro che le donne sono preferite agli uomini (come menzionato in un'altra risposta) sta facendo loro un enorme disappunto.

Quindi fondamentalmente è stata molestata dai suoi compagni di squadra e se n'è andata.E ci chiediamo perché non ci siano più donne nell'IT.:(
@RoboKaren: "molestato" è probabilmente una parola troppo, ed è anche peggio.Erano piuttosto voci, osservazioni di secondo grado, ecc. - cose che ti rendono la vita infelice.Era anche mirato esclusivamente al programma di diversità, in qualche modo era una vittima collaterale dell'impressione che il programma stava dando.
Voci e pettegolezzi sono molestie.
@RoboKaren: sì, ma uno ha le molestie evidenti (quelle più facili da affrontare, perché sono visibili) e quelle nascoste - come ho detto più viziose perché sono disperse, intangibili.Comunque, è stato un peccato vederla prendere questo.
_È normale [...] ma alla fine gioca contro questi gruppi "discriminati positivamente" ._ Sì, storie come queste sono uno degli argomenti standard contro l'azione affermativa.Non nego che ciò possa accadere, ma in nome dell'equità va sottolineato che: 1. Il linguaggio dell'annuncio di lavoro qui discusso non è un esempio di "discriminazione positiva", quindi i "programmi di diversità"riferendosi a sono in realtà qualcosa di diverso.2. Anche se programmi di diversità di vario genere hanno avuto alcuni effetti negativi, non significa che "in ultima analisi" il loro effetto complessivo sia negativo....
... Un dibattito ragionato sull'argomento riconoscerebbe gli effetti sia positivi che negativi e tenterebbe di giungere a una conclusione sul fatto che l'effetto complessivo netto sia positivo o negativo.Mi sembra che uno dei motivi per cui l'azione affermativa e i vari sforzi per la diversità correlati siano così controversi è che persone diverse tendono a concentrarsi su effetti diversi: alcuni vedono gli effetti negativi come predominanti e altri si concentrano sugli aspetti positivi.Il dibattito andrebbe avanti molto se entrambe le parti riconoscessero che gli argomenti dell'altra parte hanno qualche merito.
@DanRomik: Direi che * Il gruppo di ricerca mira ad aumentare il numero di donne in posizioni scientifiche.Le candidate donne sono quindi incoraggiate a presentare domanda. * Non è una discriminazione positiva.Se si vuole aumentare questo numero, si farà uno sforzo speciale affinché accada (che ho letto, forse in modo errato, in quanto "ti aiuteremo a partecipare").Per quanto riguarda il punto 2. - Faccio parte di un programma di diversità in cui sto cercando di controbilanciare la tendenza e sono completamente d'accordo con l'ultima riga del tuo commento.
@DanRomik "Un dibattito ragionato sull'argomento ... se l'effetto complessivo, netto è positivo o negativo" Partirebbe dalla comprensione che l'altra parte non si preoccupa dell'effetto (pensa anche che sia negativo ma non è questo il punto).Discriminare le persone nel presente perché il loro "gruppo" potrebbe essere sovrarappresentato per ragioni storiche è completamente e assolutamente inaccettabile.
@Oleg Non ho preso nessuna posizione qui, quindi per favore non dare per scontato che io sia dalla tua stessa parte, o che io sia "dall'altra parte" (qualunque cosa tu voglia dire).In effetti, penso che una discussione sulla discriminazione esuli dall'ambito della questione, che riguarda una pratica specifica che non è considerata, almeno legalmente, come una forma di discriminazione.Comunque grazie per la tua opinione.
@DanRomik Non presumo nulla su di te, rispondo solo ai tuoi argomenti.Hai preso l'altra parte, quella sarebbe la parte che pensa che sia giusto discriminare le persone in base al colore della pelle e al sesso se è bianco e maschio.E sì, va oltre lo scopo della domanda, ma sei tu che hai tirato fuori i programmi di diversità.
@Oleg ancora una volta, non mi sono schierato.** Da nessuna parte ho detto o insinuato che "va bene discriminare le persone [ecc.]". ** Francamente non capisco come si possa arrivare a una conclusione del genere, soprattutto perché non ho nemmeno detto che "va bene"per inserire la lingua menzionata nella domanda nell'annuncio di lavoro (ho dichiarato chiaramente che non sto esprimendo alcuna opinione su ciò che va bene o non va bene - leggi il disclaimer nella risposta che ho pubblicato).Quindi ti sarei grato se cancellassi il commento in cui hai fatto questa affermazione errata, per evitare di fuorviare i futuri lettori di questo thread.
@DanRomik Hai preso una parte, ti darò il beneficio del dubbio e presumo che tu sia ingenuo e non intenzionalmente ingannevole.La mia risposta è stata al tuo commento che inizia con "2. Anche se i programmi sulla diversità ..." le mie affermazioni non sono in alcun modo errate, ne derivano direttamente.
"* Sottolineare nelle aperture di lavoro che le donne sono preferite agli uomini (come menzionato in un'altra risposta) sta facendo loro un enorme disappunto. *".Sì, hai ragione perché sembra che li inviti in un gruppo di bravi ragazzi a cui sembra piacere trovare scuse per molestare e fare il prepotente alle donne che riescono ad essere assunte.Non gestisci la tua vita cercando di assicurarti di non fare nulla che possa dare a un bullo una scusa per le persone prepotenti, ti opponi ai bulli.Cosa impediva loro di vedere la sua genialità oltre al proprio pregiudizio?
#4
+10
Geoffrey Brent
2017-08-25 07:42:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Aggiungendo un punto di dati, questo tipo di linguaggio è anche abbastanza comune per le posizioni nel mondo accademico e nel servizio pubblico australiano. Come hanno notato altri commentatori, "Il gruppo X è incoraggiato a fare domanda" non è la stessa cosa che discriminare le persone non X che fanno domanda.

I commenti non sono per discussioni estese;questa conversazione è stata [spostata in chat] (http://chat.stackexchange.com/rooms/64491/discussion-on-answer-by-geoffrey-brent-is-it-considered-normal-to-publish-job-di).
#5
+9
Ben Webster
2017-08-26 19:13:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che tu stia commettendo l'errore di leggere gli annunci di lavoro in modo troppo letterale. Sono scritti con un occhio ai requisiti legali e sotto la stretta supervisione dei dipartimenti legali e delle risorse umane. Quindi non riflettono necessariamente i pensieri privati ​​delle persone che prendono effettivamente la decisione sul lavoro in modo particolarmente serio. Voglio dire, in molti casi (incluso il mio) lo fanno davvero, ma anche se un dipartimento fosse pieno di misogini che non avevano alcun interesse ad assumere donne, i loro annunci di lavoro avrebbero probabilmente ancora una frase come questa.

@LeonMeier Non sono nemmeno sicuro di aver capito cosa dovrebbe significare.Percezione di cosa da parte di chi?Le società non percepiscono nulla;le singole persone lo fanno.
@LeonMeier Solo una piccola parte delle persone nella "società" legge annunci per posizioni in gruppi di ricerca accademica - e probabilmente non sono le persone migliori per * cambiare * qualcosa (questo è quello che fanno i politici, non gli accademici!)
EDIT: Certo, ma, a lungo termine, tali annunci cambiano la percezione della comunità accademica riguardo a quali gruppi sono discriminati.
@LeonMeier Non penso sia proprio vero, poiché non appena vedono una ricerca del genere dall'interno, si rendono conto che la formulazione di un annuncio di lavoro è completamente priva di significato (tranne quando in realtà vincola legalmente ciò che puoi fare).L'interazione del genere con le assunzioni accademiche è molto complicata, ma ciò che conta sono le opinioni dei vari stakeholder nell'università, e le parole nell'annuncio di lavoro essenzialmente non hanno nulla a che fare con questo.
@BenWebster Certo, ma molti non riescono mai a vedere il processo dall'interno.In particolare, i motori di ricerca no.Anche le persone che leggono gli annunci di lavoro, per impostazione predefinita (!), Non lo fanno.
#6
+5
Džuris
2017-08-25 02:07:12 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La risposta è: dipende :)

In realtà ci sono alcuni paesi in cui hai maggiori probabilità di ottenere la posizione (lavoro, posto di dottorato, ecc ...) se sei un uomo e meno probabilmente se sei una donna.

Nonostante questo suoni come qualcosa che potresti aspettarti da alcune società sottosviluppate, il problema è in realtà nei grandi vecchi paesi occidentali come Francia e Germania (vedi le fonti alla fine). Ho anche sentito che questo è un problema negli Stati Uniti, nonostante siano gli urla più forti nel megafono della diversità.

In tali paesi è abbastanza appropriato dare la dichiarazione di non responsabilità "non ti discrimineremo a causa del sesso o razza "e le frasi che hai citato sono un modo un po 'imbarazzante per dirlo. Ovviamente l'obiettivo di un gruppo di ricerca dovrebbe essere la ricerca per non aumentare la diversità, sembra che stiano solo cercando di essere un po 'troppo educati.

D'altra parte, io vivo in un paese dove le donne non ha tali svantaggi nell'ottenere un dottorato di ricerca o posizioni scientifiche (vedere le fonti in caso di dubbio). E quindi trovo inappropriato quando qualcuno viene a sapere dall'Occidente che questa cosa della diversità è un grosso problema e inizia a gridare "dobbiamo dare più possibilità alle donne". In questo modo sono personalmente infastidito quanto te da questi testi.

Fonti: https://ec.europa.eu/research/swafs/pdf/pub_gender_equality/she_figures_2015-final.pdf Vedi pagina 63 per vedere quanto sono cattive (dal punto di vista della diversità) Germania e Francia (e quanto è buona la Lettonia).

http://www.csb.gov.lv/ sites / default / files / nr_13_sievietes_un_viriesi_latvija_2016_16_00_lv_en_0.pdf Vedi pagina 18 che mostra le donne che non hanno problemi a ottenere le posizioni di dottorato qui - il 2,6% delle donne di età rilevante si iscrive a studi di dottorato contro l'1,6% degli uomini.

"In tali paesi [come Francia e Germania] è abbastanza appropriato dare la dichiarazione di non responsabilità 'non ti discrimineremo a causa del sesso o della razza'" - almeno in Germania, è anche legale annunciare che le candidate donne saranno preferiterispetto ai candidati maschi se sono ugualmente qualificati, se ciò serve a compensare in definitiva lo squilibrio di genere sul posto di lavoro (basato su una [legge sull'azione affermativa] (https://dejure.org/gesetze/AGG/5.html)).
@O.R.Mapper Sento che dovremmo avere tali politiche nei confronti delle persone in età prossima alla pensione ...
(1/2) "In [Francia], è abbastanza appropriato dare la dichiarazione di non responsabilità" non ti discrimineremo a causa del sesso o della razza "".Ne hai un esempio?Dal momento che il primo articolo della costituzione francese afferma l'uguaglianza dei cittadini indipendentemente dalla loro origine, razza o religione, le offerte di lavoro presumono implicitamente che non discriminerebbero i candidati (sebbene in pratica, purtroppo, la discriminazione esiste).Lo stesso articolo afferma inoltre che "La legge promuove la parità di accesso di donne e uomini alle [...] responsabilità professionali e sociali",
(2/2) quindi le azioni a favore dell'occupazione femminile non sarebbero contro la legge e non sarebbero invisibili.
Non sono d'accordo (in particolare per la Germania) con la tua affermazione secondo cui sarebbe più probabile trovare un lavoro come uomo.So per certo che alcune università preferiscono di gran lunga le candidature per posizioni di dottoranda da parte di donne candidate, anche se le competenze sono significativamente inferiori.Anche la situazione è "cattiva" in termini di proporzione, il che non implica meno possibilità per una data candidata.Nella mia esperienza, e sono una ricercatrice attiva in CS, le donne sono molto apprezzate e per lo più sempre assunte.L'unico problema è che spesso non si applicano.Secondo me, questo è il problema da affrontare
#7
+3
Horst Grünbusch
2017-08-28 15:32:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Frasi come queste sono usuali nelle offerte di lavoro nel servizio pubblico. Poiché la maggior parte delle aperture di dottorato segue le regole del servizio pubblico, queste frasi si verificano anche lì. È un "must write" formale che esiste per ragioni politiche.

Non ha nulla a che fare con la discriminazione in quanto la domanda viene solitamente esaminata da professionisti della ricerca che cercano colleghi brillanti, non per la loro minoranza o condizione di genere. È ancora la produzione scientifica che contribuisce alla reputazione della loro istituzione, non il colore della pelle o i genitali dei membri del personale. In effetti, la Corte di giustizia europea ha vietato le leggi tedesche degli anni '90 che affermavano che "le donne ugualmente qualificate saranno preferite agli uomini se le donne sono sottorappresentate" (vedere qui per ulteriori letture).

In effetti, queste frasi non dicono nulla sulle possibilità di successo per nessuno di questi gruppi. Quindi, sebbene l'intenzione politica possa essere stata quella di aumentare la quota statistica del gruppo di popolazione X tra il personale convocando più candidati del gruppo X - che è considerato politicamente buono -, l'effetto potrebbe essere anche quello di aumentare le possibilità statistiche dei candidati da gruppo X da rifiutare, cosa che politicamente potrebbe sembrare di nuovo una discriminazione.

Tuttavia, poiché non invii un rappresentante per la domanda di dottorato per il tuo gruppo etnico ecc. ma per il tuo , semplicemente non devi preoccuparti di tali frasi.

(C'è solo un'eccezione: a volte si annuncia che tra richiedenti ugualmente qualificati sarebbero preferiti quelli con handicap Quindi pensa a quante persone sono effettivamente ugualmente qualificate per una specifica posizione di dottorato ...)

#8
+3
Finley Huaxin
2020-06-28 00:19:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le risposte più votate discutono già ampiamente di questa domanda. Anche se voglio aggiungere un punto a questo punto che potrebbe non essere necessariamente vero ma forse ha senso per qualche discussione sopra. L'affermazione citata da OP è un possibile modo per compensare i pregiudizi impliciti che le donne devono spesso affrontare. Una simile affermazione è normalmente seguita da una frase del genere: le donne sono preferite quando i candidati sono ugualmente qualificati per la posizione se le donne sono sottorappresentate . Letteralmente, ci sono due condizioni su questa preferenza da attuare: 1. ugualmente qualificata; 2. le donne sono sottorappresentate nel dipartimento. Quando qualcuno lo percepisce come discriminante nei confronti dei maschi, probabilmente sta pensando che in nessun caso i candidati sarebbero qualificati al 100% allo stesso modo, ciò significa che se, come maschio, fossi stato valutato un po 'più in alto di un'altra candidata donna - ad esempio, 0,1 punti in più in un totale di 20 punti di una valutazione - poiché questo divario di punti è troppo piccolo per contribuire alla decisione, un'altra candidata verrà selezionata a causa di questa affermazione. Diamo un'occhiata a due collegamenti di seguito. Solo come esempio del pregiudizio implicito di cui parlerò.

Il modo migliore per i professori di ottenere buone valutazioni degli studenti? Sii maschio.

Le valutazioni dell'insegnamento degli studenti sono probabilmente di parte. È importante?

100% ugualmente qualificato è quasi impossibile. Ma esistono sempre piccole deviazioni perché siamo esseri umani. Nelle interviste, non possiamo evitare al 100% qualsiasi soggettività nel giudicare i candidati. Le donne tendono ad essere più spesso sottovalutate e poco sicure di sé e questo è probabilmente particolarmente vero in un campo / dipartimento in cui le donne sono fortemente sottorappresentate . Di conseguenza, quando si riceve lo stesso punteggio di una candidata in caso di esistenza di soggettività, è probabile che sia effettivamente un po 'migliore di te. Questa affermazione non è un comportamento discriminatorio sotto le spoglie dell'egualitarismo che stai cercando di insinuare, ma è uno dei modi migliori per rimuovere l'affermazione di per sé in futuro.

#9
  0
innisfree
2017-08-28 08:41:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La pratica di incoraggiare particolarmente i candidati di gruppi sottorappresentati a fare domanda è comune in fisica. Ho anche visto annunci di lavoro disponibili solo per candidati donne, ad esempio questa apertura in Australia. Questa pratica, tuttavia, non è così comune a livello internazionale (e potrebbe richiedere esenzioni / misure speciali) e non l'ho vista applicata ad altri gruppi minoritari.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...