Domanda:
Cosa fare con argomenti di ricerca di riserva?
badroit
2014-04-25 22:59:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Qualche tempo fa ho raggiunto la fase in cui le mie idee per argomenti / articoli di ricerca superavano la mia capacità di lavorarci personalmente. In qualità di PostDoc, ho cercato di dare la caccia a studenti o ricercatori più giovani nella mia zona (o a conferenze, ecc.) Per parlare con loro delle idee e vedere se sarebbero stati interessati a collaborare o co-autori di un articolo. Ha funzionato bene per un po '.

Ma ora (più recentemente) scopro di avere di nuovo un back-log di argomenti promettenti che hanno superato la mia capacità di consigliare / delegare. Non ho studenti che ci lavorino. Le idee sono mescolate in qualità, concretezza, promessa, ecc. E sto conservando alcune di quelle che più mi interessano per me o per gli studenti. Ma so che ce ne sono altri che dovrò trascurare (e spesso scelgo gli argomenti "più sicuri" da quando sono in carica, ho una fame costante di pubblicazioni).

Ora ho un testo file sul mio disco rigido con un elenco di schizzi di idee in modo che io li ricordi. Ma molti dettagli rimangono inespressi nella mia testa; la maggior parte delle idee nel file di testo sarebbero abbastanza prive di significato nella loro forma attuale senza qualche spiegazione, ulteriore sviluppo, contesto e / o motivazione da parte mia. Allo stesso tempo, ho esperienza sufficiente per sapere che ci sono argomenti interessanti di articoli / tesi che potrei aiutare a sviluppare e / o consigliare se avessi tempo / denaro.

Per alcuni argomenti , È da troppo tempo che dico " un giorno".

In ogni caso, non riesco a immaginare di essere solo in questo. Sono sicuro che vari ricercatori vedono molti argomenti di ricerca potenzialmente promettenti cadere "nel dimenticatoio" a causa di questioni quotidiane più urgenti. A volte mi chiedo se altri professori abbiano allo stesso modo elenchi di argomenti di ricerca che marciscono da qualche parte in un file di testo. Sembrerebbe un tale spreco se fosse così: pensa all'unione di tutti questi file di testo che si trovano su dischi rigidi locali! Sembrerebbe essere un grave difetto nel sistema di ricerca accademica se questo fosse prevalente: che la condivisione di idee grezze (o forse leggermente pastorizzate) non è adeguatamente incentivata dal "sistema".


La domanda ...

Supponendo che io abbia un surplus di (buone) idee per argomenti di ricerca nella mia area - che non posso lavorare su me stesso e non posso delegare o persino trovare il tempo per consigliare attivamente - cosa dovrei fare con loro?

Per evitare una perdita di generalità, una buona risposta dovrebbe presumere che non sono gentile: quale incentivo personale avrei per condividere le mie idee in in questo modo? Non voglio dare via le mie idee gratuitamente. Queste idee richiedono sviluppo ed espressione prima di poter essere condivise (cosa difficile da fare "in anticipo"). Se non sono incentivato a sviluppare le idee in una forma condivisibile, la realtà è che userò il mio tempo prezioso per fare qualcos'altro che sono incentivato a fare.

Se hai bisogno di incentivi personali per motivarti a condividere idee con la comunità, perché sei nel mondo accademico? :) Praticamente l'unico modo per ottenere un vantaggio personale misurabile dalle idee accademiche è pubblicare, quindi se non hai intenzione di farlo, queste idee non ti faranno mai del bene e potrebbero anche essere cedute.
Ci sono problemi aperti durante le riunioni principali?
@Suresh, non dichiarato come tale, no. La mia area di CS è abbastanza applicata. Ci sono forum di discussione, ma tendono a parlare delle grandi domande / direzioni della comunità piuttosto che di specifici problemi / argomenti aperti.
@NateEldredge, Vorrei che fosse [così semplice] (http://www.goodreads.com/quotes/23088-if-you-have-an-apple-and-i-have-an-apple). Le idee hanno una certa inerzia. Se sei mai stato a una riunione di caffè in una conferenza, avrai riscontrato questa inerzia, ne sono sicuro. :)
Per un post sul blog molto interessante su questo argomento (backlog di idee) vedi: [this] (http://youinfinitesnake.blogspot.com/2013/09/research-ideas-over-time.html)
Sette risposte:
#1
+30
Mangara
2014-04-26 04:14:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Credo che il modo più "formale" per condividerli sia scrivere un'indagine sull'area a cui si riferiscono i tuoi problemi aperti, evidenziando ogni problema. Questo aggiunge una pubblicazione e chiunque risolva uno dei problemi probabilmente lo citerà. Inoltre, se l'indagine è sufficientemente approfondita, può generare un gran numero di citazioni come introduzione al territorio.

Tranne che probabilmente ci vuole tanto tempo per risolvere i problemi aperti e pubblicarli!
#2
+21
Not Quite An Outsider
2014-04-25 23:49:52 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un incentivo che dovresti riconoscere è il tempo: preoccuparti di questi problemi sottrae tempo a ciò a cui vuoi dare la priorità.

Raccomando il seguente esperimento e presumo, per amore della discussione, che le idee mentono all'interno della matematica. Prendi una o due delle idee che consideri sacrificabili e dedica 30 minuti a scrivere un post su MathOverflow su di esse. Pubblicalo su MathOverflow, quindi siediti e aspetta. Se lo fai con la corretta attribuzione, le persone potrebbero risolverli e darti credito per il tuo contributo, o altrimenti fare progressi che potresti ritenere soddisfacenti. Oppure potrebbero essere ignorati per un po '. L'idea di base è stata pubblicata e puoi decidere di assegnarle nuovamente le priorità e poi pubblicare i progressi che hai fatto come risposta parziale.

Il punto dell'esperimento è vedere come ti senti riguardo al lasciare qualcosa va. Se funziona bene per te, puoi ripeterlo con altre cose. In caso contrario, puoi fermarti alla seconda o terza idea sacrificabile in questo modo. Ho la speranza che condividere alcune delle tue idee spendibili a bassa priorità porti più soddisfazione che aspettare il momento giusto per rivelarle a qualcuno. Poiché il mio background è la matematica, ho suggerito il forum MathOverflow. Dovrai trovare o creare un forum appropriato per condividere queste idee.

#3
+18
Dave Clarke
2014-04-26 15:09:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La soluzione a lungo termine è: 1) ottenere finanziamenti , 2) creare un gruppo di ricerca e 3) delegare . Vai a 1. (Da qualche parte lungo la linea, prendi possesso per assicurarti che questo ciclo continui indefinitamente.)

Questi compiti richiederanno coerenza tra le tue idee di ricerca.

In primo luogo, avere una spinta abbastanza convincente da consentire alle agenzie di finanziamento di investire in te.

Devi avere un focus abbastanza ristretto da consentire al tuo gruppo di ricerca di lavorare in modo cooperativo (o almeno, per essere in grado di leggere e commentare il lavoro degli altri).

Infine, avrai bisogno di idee per arrivare in blocchi abbastanza grandi da consentire agli studenti di dottorato di scrivere le dissertazioni.

#4
+15
cbeleites unhappy with SX
2014-04-26 14:44:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho anche un lungo elenco di problemi che penso

  • debbano essere risolti e
  • dove almeno ho un'idea in quale direzione potrebbe essere una soluzione trovato

Tendo a chiedere in giro alle conferenze o ogni volta che incontro qualcuno che potrebbe sapere qualcosa molto. Sebbene non abbiamo sessioni "questioni irrisolte" di per sé, non è strano che una presentazione indichi un problema identificato senza soluzione.

Quale incentivo personale avrei per condividere le mie idee in in questo modo?

  • Sono anche giunto alla conclusione che probabilmente non resterò mai senza problemi o idee su cui riflettere.

  • Le mie idee di ricerca di solito non sono idee dal nulla, ma problemi per i quali potrei aver bisogno di una (migliore) soluzione.

  • Quindi un incentivo è: Ho bisogno della soluzione.

  • Un secondo incentivo è: Ho fatto l'esperienza che, sebbene io possa descrivere il problema nel gergo del mio campo, questo potrebbe non portare a termini di ricerca che trovano una soluzione che è già nota in qualche altro campo.

    Condividere il problema potrebbe salvarmi dal reinventare la ruota.

  • La mia esperienza personale in genere è del tipo "sì, stai indicando un problema valido. Anche se non ho idea di come risolverlo o se qualcun altro ha una soluzione ". (Situazione in corso per alcuni anni , fino a quando non ho pensato abbastanza a lungo da arrivare a una soluzione da solo). È stata quindi la mia soluzione che mi ha permesso di trovare approcci simili in diversi campi, quindi non tanto successo nel riutilizzare ruote già inventate. I siti SX possono essere migliori delle conferenze in questo aspetto.

    Da quell'esperienza sembra che io sia alla ricerca di una rara possibilità che qualcuno intervenga interessato a risolvere il problema.

#5
+2
JernejT
2019-01-18 06:37:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sto terminando il mio dottorato di ricerca in biologia molecolare e cellulare e di recente ho reso pubblici tutti i miei argomenti di ricerca di riserva nella parte superiore del mio sito web. È un Gdoc che chiunque può commentare e lo aggiorno periodicamente. Come dici tu, i pensieri e le idee sono "mescolati in qualità, concretezza, promessa", ma solo il fatto che li abbia estesi a un pubblico dominio mi eccita perché c'è, anche se poche possibilità, qualcuno li legga e li spinga avanti in qualche modo. La mia opinione personale è che lasciando volare i miei pensieri in questo modo, ho creato (una possibilità per) un ciclo di feedback che alla fine mi porterà comunque a perfezionare e possibilmente migliorare drasticamente la loro forma originale.

#6
+1
Sylvain Ribault
2019-12-19 14:38:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una piattaforma dove puoi condividere idee di ricerca, qualunque sia la disciplina, è Wikiversità: https://en.wikiversity.org/wiki/Category:Research

Qualunque piattaforma o il sito web che utilizzi, potresti dover pubblicizzare le tue idee ai colleghi, o loro non se ne accorgeranno.

Per quanto riguarda l'ottenimento di crediti ed essere incentivato, questo non è possibile nel sistema attuale. Ma sono sicuro che svolgi già del lavoro gratuito per la comunità, anche se solo peer review. Potresti considerare che un'idea vale la pena condividere quando condividerla sembra un uso migliore del tuo tempo rispetto alla revisione tra pari.

#7
  0
guest
2019-01-18 07:11:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho avuto lo stesso problema. Il mio consiglio è di scriverli almeno. Il foglio di calcolo Excel è un buon formato in quanto puoi disporre di alcune colonne per le categorie e utilizzare i "filtri" per ordinarle. Almeno in questo modo, non corrono tanto per la testa. Puoi anche inserire una priorità e / o anche una casella per "fatto".

Ti consiglio di NON condividere molto le tue idee. (Sembra radicale ma ascoltami.) Se hai 1-2 veri colleghi che ti aiutano davvero e vuoi aiutarli, bene. Ma in generale non sarà così. In effetti spesso le persone non agiranno in base alle tue idee, o se lo fanno, non ti daranno il coautore o addirittura il riconoscimento. Almeno fino a quando non ottieni una carica, devi spingere la tua slitta e pompare le tue pubblicazioni. Inoltre, forse sapere che le idee fanno affidamento su di te per eseguirle ti aiuterà a realizzarle.

Buona fortuna. (Sì, questo è un vecchio post, ma è un problema persistente.)



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...