Domanda:
Perché i professori vogliono assicurarsi che i loro appunti scritti alla lavagna non vengano pubblicati?
David Frank
2015-11-16 05:58:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono uno studente universitario e di recente ho scoperto quanto sia più facile usare il mio smartphone per scattare istantanee degli appunti che i professori scrivono sulla lavagna durante le lezioni (dato che sono abbastanza pessimo nel capire e scrivere allo stesso tempo è molto utile).

Per assicurarmi che i professori non abbiano problemi con questo, ho chiesto a ciascuno di loro prima di iniziare a scattare foto. Hanno avuto tutti la stessa risposta: stanno bene con esso, purché non renda gli scatti pubblicamente disponibili. Ovviamente non ho intenzione di farlo. Tuttavia, mi ha fatto pensare: perché i professori lo sottolineano? Tutto il materiale è già pubblico, esistono decine di dispense diverse, alcuni professori hanno persino creato le proprie dispense scaricabili gratuitamente per chiunque.

Quindi le mie domande sono:

  • In che modo immagini di cattiva qualità della lavagna possono causare loro danni?
  • Perché farebbe la differenza se Ho copiato il contenuto nel mio taccuino o l'ho digitato parola per parola e l'ho pubblicato? (Non ho mai sentito nessun professore chiedere agli studenti di non caricare gli appunti, si scrivono durante la lezione.)
Supponi di chiedere a un autore di libri: "Va bene se faccio una copia Xerox del tuo libro?" Cosa pensi che diranno? Supponiamo che tu vada a una performance musicale e chieda loro: "Va bene se faccio un video della performance sul mio telefono?" Cosa pensi che diranno?
Forse vogliono che le persone partecipino alle loro lezioni invece che gli studenti si scambino le foto della loro scrittura sulla lavagna?
@GEdgar Il confronto dei libri non funziona perché non ci si aspetta che tu faccia copie dei libri, mentre * ci si aspetta * che copi le note dalla lavagna. Se chiedessi a un autore "Va bene se faccio una copia Xerox del tuo libro?" dicevano di no, mentre la risposta a "Va bene se faccio una copia simile a Xerox dei tuoi appunti sulla lavagna" era "Sì, ma solo per uso personale". Situazione completamente diversa.
Per inciso, sembra essere sempre più comune che i docenti scrivano le loro dispense in forma di libro di testo e le pubblichino (accessibili a tutti) sul loro sito web personale.
L'hai chiesto al professore? Qual è la loro risposta?
Sono sorpreso che nessuno lo abbia ancora menzionato, ma potrebbe anche essere che non vogliono che le foto di se stessi / altri che potrebbero essere accidentalmente nel fotogramma vengano pubblicate senza il consenso delle persone fotografate. Potrei immaginare una manciata di modi in cui si potrebbe abusare o che potrebbero mettere gli altri a disagio.
@GEdgar "Supponi di andare a una performance musicale e di chiedere loro:" va bene se faccio un video della performance sul mio telefono? "Cosa pensi che diranno?" - Dipende dalla band, ma ce ne sono un bel numero (certamente principalmente più piccoli) che non solo lo consentono, ma lo incoraggiano attivamente.
Perché non parlare di nuovo con tutti quei professori, questa volta chiedendo perché l'hanno detto, poi tornare indietro e aggiungere la tua risposta qui ...?
Oltre a rispondere a tutte le ragioni perfettamente razionali, come cosa generazionale può darsi che la maggior parte abbia semplicemente un'avversione emotiva di avere se stessi o il proprio lavoro intonacati in modo incontrollato su Internet.
In realtà la maggior parte delle persone registra spettacoli ed eventi con i propri smartphone e non ho mai visto nessun artista chiedere a YouTube di eliminare questi video
@Keith: dove per "antipatia emotiva" probabilmente intendevi "antipatia razionale", e per "cosa generazionale" intendevi "cosa che differenzia gli adulti sensibili dalle persone immature incapaci di pensare al futuro per più di venti minuti". Destra? ;-)
@DanRomik. Praticamente sì, ma come "adulti sensibili" suggerirei di trovare il fenomeno inquietante e quindi di razionalizzare tanto quanto il contrario.
Una nota a margine, dopo aver letto su questo argomento piuttosto deprimente di abusi e intenzioni crudeli: d'ora in poi, ogni volta che scrivo qualcosa che può essere fotografato, mi sentirei obbligato a usare metà della lavagna per un disclaimer scritto. Pensa alla stampa fine, agli avvisi di pirateria nei film, questo genere di cose è dove porta.
Un'altra possibile preoccupazione: fornire ai fannulloni che non si preoccupano di venire in classe il materiale effettivo della classe.
Sebbene disponga di serie di appunti abbastanza dettagliate in linea, a volte esco dal copione sulla lavagna. Incoraggio gli studenti a scattare istantanee, come faccio io stesso per il mio record personale. Tutto quello a cui riesco a pensare è che se stai improvvisando e sbagli qualcosa, potrebbe diventare virale su Facebook. Un insegnante privo di fiducia potrebbe preoccuparsene.
Dodici risposte:
#1
+158
Dan Romik
2015-11-16 10:02:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Gli scarabocchi che un professore scrive alla lavagna durante una lezione rappresentano il tipo di contenuto di qualità più bassa che quel professore presenterà mai in pubblico: scritto a mano, creato frettolosamente sotto la pressione del tempo e in un momento di alto carico cognitivo, disordinato, incontrollato e incline all'errore. D'altra parte, i professori, come qualsiasi altro professionista, preferiranno di gran lunga essere giudicati in base ai contenuti di massima qualità che producono, ad esempio i loro documenti di ricerca, che sono accuratamente elaborati per un lungo periodo di messa a fuoco e concentrazione, formattati digitalmente, lucidati ripetutamente e controllati due volte e tre volte per verificarne l'accuratezza. Quindi, nella misura in cui un professore riesce a controllare quale dei contenuti che ha prodotto viene pubblicato pubblicamente, non acconsentirà quasi mai volontariamente al rilascio di contenuti di bassa qualità.

Un'analogia che mi viene in mente è quello di un attore cinematografico: esattamente per la stessa ragione che ho descritto sopra, gli attori preferiscono che il pubblico si formi la sua opinione su di loro attraverso i loro film, e non attraverso una foto di paparazzi che li ritrae mentre erano fuori a fare vestiti arruffati, niente trucco, un'acconciatura sciatta ecc. Quindi, se non vuoi essere come un paparazzo, rispetti i desideri del tuo professore e non pubblichi foto dei suoi scritti sulla lavagna.

Modifica: sento il bisogno di chiarire la mia osservazione sul "tipo di contenuto di bassa qualità" e "creato frettolosamente [...] disordinato, non controllato e soggetto a errori". Sembra che alcune persone stiano leggendo questo come una descrizione di una sorta di professore non professionale che viene in classe impreparato, tiene una lezione di scarsa qualità, quindi per insicurezza e paura di vedere le loro scarse capacità di lezione esposte pubblicamente, si rifiuta di consentire le immagini delle loro lavagna pubblicata online. Non è proprio quello che volevo dire (o almeno è solo uno dei possibili scenari coperti dalla mia risposta). Stavo parlando molto più in generale di qualsiasi professore, eccellente o povero, che viene in classe, ben preparato o no, e tiene una lezione, che può essere eccellente, e poi, per ragioni del tutto legittime e razionali e non per insicurezza, senso di colpa o vergogna , si oppone alla pubblicazione online delle foto della propria lavagna.

Perché dovrebbero obiettare se la loro lezione è così buona? Alcuni hanno chiesto. La logica alla base di questo è che gli scarabocchi alla lavagna, anche di un professore eccellente e ben preparato, saranno comunque un tipo di contenuto che è stato creato in un lasso di tempo molto breve (il tempo della lezione), mentre il professore è impegnato fare molte altre cose allo stesso tempo (parlare alla classe, capire i dettagli della matematica o qualunque cosa stiano scrivendo alla lavagna, consultare i loro appunti, tenere traccia del tempo, ecc.), è sotto la pressione psicologica di essere osservati da un grande gruppo di persone (molte persone trovano questa situazione stressante) e non ha tempo o risorse cognitive disponibili per rilevare o correggere piccoli errori che possono essere introdotti inavvertitamente, non importa quanto attentamente si sia preparati. Quindi, in un confronto puramente relativo tra questo contenuto e altri tipi di contenuti creati dallo stesso professore (ad esempio, documenti di ricerca, che come ho detto sono preparati con cura per molti mesi), gli scarabocchi sulla lavagna sono relativamente parlando un contenuto di bassa qualità. È semplicemente una concorrenza sleale: due diversi tipi di contenuti, due diversi standard di qualità e, per le ragioni che ho spiegato, molti professori preferiscono abbastanza ragionevolmente che solo uno dei due tipi venga pubblicato pubblicamente online.

Infine, nota che tutto questo non è affatto in contrasto con il fatto che la scrittura alla lavagna possa essere ancora buona o addirittura eccellente nel contesto della lezione in cui viene eseguita.

Ma perché si preoccupano di questo? Tutti sanno che la lezione non dovrebbe essere giudicata rigida come gli altri prodotti (libri, presentazioni, ecc.). È giusto?
@Ooker perché gli attori del cinema sono preoccupati per i paparazzi?
@DanRomik Di solito a causa della violazione della privacy, in realtà.
@Ooker Quindi, quando su Facebook appare l'immagine di una lavagna, che mostra un grave errore di calcolo, fatto accidentalmente da un professore di matematica in classe, accompagnata da un commento sarcastico sulla presunta incapacità di algebra del professore, ti aspetti che nessuno la condividerà e lo farà divertente, perché "[e] verybody sa che la conferenza non dovrebbe essere giudicata rigida come gli altri prodotti"? Come posso riconquistare la tua fiducia nell'umanità? ;-)
@Dubu Direi che la maggior parte dei miei amici di Facebook non ha idea del gruppo Lie e che sa che non lo prenderà in giro. Tranne che qualcosa è davvero divertente (come un grafico sembra tette), ma non sembra essere il caso della classe di OP. In quella situazione, il prof sa cosa fare.
@Ooker Stavo pensando a qualcosa nella gamma di "2 + 2 = 5", ovvio per tutti. (Tranne lo scrittore. È terribilmente difficile vedere tali errori se stai scrivendo su una lavagna bianca a caratteri grandi). Alla fine, gli studenti probabilmente segnalerebbero un errore del genere (a seconda del prof) e verrebbe corretto , ma qualcuno avrebbe potuto fare una foto prima.
@Dubu ma quello studente dovrà essere subdolo per agganciarlo, giusto? Nel caso di OP, glielo chiede direttamente
@Ooker, Dubito che il professore abbia in mente scenari così specifici. Penso che sia più un caso di cautela di fronte all'incertezza. Studenti e social media si mescolano in modi inaspettati e quando il danno è fatto, non si torna indietro.
Sì, non si tratta di uno scenario specifico o di preoccuparsi di scrivere 2 + 2 = 5, è il principio della cosa. Proprio come chiunque altro, voglio presentare al mondo l'immagine più favorevole di me stesso, e @Ooker, sono sicuro che lo fai anche tu. Ad esempio, vedo che hai selezionato una certa foto di te stesso come avatar di Twitter, e non una foto diversa, molto peggiore. Allo stesso modo, a livello professionale, sosterrò il rilascio online di alcuni materiali che ho creato (i miei documenti), ma non altri materiali (scritti sulla lavagna e una poesia che ho scritto quando ero in terza elementare). Semplice come quella.
@DanRomik hmm, ok, capisco il tuo punto. Sì, tutti vogliono rendere bella l'immagine di se stessi. Penso che tu possa aggiungerlo per rendere la tua risposta più persuasiva. Ma ancora non capisco perché i professori siano imbarazzati per il loro stesso prodotto. La conferenza potrebbe non rappresentare la loro massima qualità, ma non è abbastanza grave da essere imbarazzante. Dopotutto, dovrebbe avere una qualità sufficiente per essere presentato agli studenti, giusto? Allo stesso modo, la mia immagine del profilo può essere stupenda, ma se catturi un'immagine pazza, non mi dispiacerebbe davvero, perché mi sono assicurato che tu non possa vedere tutte le peggiori.
@Ooker lo considera un problema di teoria dei giochi. Se presumiamo che tutti i professori partecipino a una grande competizione chiamata "università" e alcuni di loro non consentono la pubblicazione di immagini sulla lavagna, altri, anche se altrimenti potrebbero essere d'accordo, dovranno seguire la stessa strategia se vogliono rimanere competitivi. In un ambiente così competitivo non ci si può permettere nemmeno un piccolo errore o imbarazzo. Questo modello giocattolo è ovviamente un'esagerazione della situazione della vita reale, ma solo lieve.
@Ooker inoltre penso che tu stia sottovalutando la differenza di qualità tra qualcosa che creo quando ho tempo per lavorarci correttamente e non sono contemporaneamente impegnato a parlare a una classe di 200 studenti (l '"alto carico cognitivo" a cui mi riferivo) e qualcosa creato sotto fretta e pressione psicologica. È una differenza enorme. Quindi sì, la lavagna è abbastanza buona da presentare alla classe (deve essere, quale altra scelta c'è?), Ma non abbastanza buona da presentare al resto del mondo, che probabilmente non apprezzerà il contesto in cui materiale è stato creato.
Penso che l'ultima frase sia la chiave. Mi puoi fare un esempio? Non ho mai insegnato a nessuno quindi potrei non avere l'esperienza.
_altri, anche se altrimenti potrebbero essere d'accordo, dovranno anche seguire la stessa strategia se vogliono rimanere competitivi_ - ... tranne quelli di noi che sono fiduciosi che il nostro lavoro di bordo ci faccia apparire _ migliori_ dei nostri concorrenti.
@JeffE il mio punto era che anche i migliori scritti sulla lavagna di solito non si confrontano bene con il materiale preparato più attentamente. Ma sì, per quei rari individui le cui lavagne sono incredibilmente pulite, prive di errori e scritte con una bella calligrafia, il tuo commento è corretto e molto nello spirito del mio modello di teoria dei giochi.
@DavidRicherby beh, non sono un attore quindi non posso parlare in modo autorevole del motivo per cui gli attori si preoccupano dei paparazzi. Sono sicuro che l'invasione della privacy è una componente importante, ma sono altrettanto sicuro che la protezione del loro marchio e dell'immagine pubblica ne siano un'altra grande parte. In effetti, il nostro desiderio umano di controllare il modo in cui gli altri ci vedono e pensano a noi è probabilmente una delle ragioni principali per cui esiste anche la nozione di "privacy".
@Dubu Se gli studenti * iniziano * a postare cose del genere, non dovrebbero sorprendersi troppo se i professori decidono di postare le foto di detto studente che sonnecchia in classe, con amici studiosi che commentano la pigrizia degli studenti di matematica. ;) A nessuno piace essere visto al peggio.
lezioni essendo il tipo di contenuto di qualità più bassa ... che spiega alcune cose
@chalkchewer ok, è un po 'divertente, ma a parte gli scherzi, non ho detto che le _lectures_ sono il tipo di contenuto di qualità più bassa, solo che gli _blackboard scribbling_ avevano quella proprietà. Inoltre, il mio confronto era puramente relativo ad altri tipi di contenuto e la "qualità più bassa" in molti casi sarebbe ancora di qualità piuttosto elevata su scala assoluta. Quindi, mi dispiace se tu avessi un cattivo professore che ha dato lezioni di merda - succede, e avresti ragione a lamentarti e scherzarci su - ma penso che lo scherzo in questo caso fosse un po 'inappropriato e ha rappresentato inutilmente male ciò che io disse.
@DanRomik _ le lavagne sono straordinariamente pulite, prive di errori e scritte con una bella calligrafia calligrafica_ - No, non è più necessario che ogni carta vinca un premio Nobel, o anche ogni carta che appare in _Nature_. Devi solo essere migliore dei tuoi concorrenti. Quella distribuzione ha una coda _molto_ lunga.
@DanRomik _solo che gli scarabocchi sulla lavagna avevano quella proprietà_ - [citazione necessaria] Vedo i tuoi scarabocchi sulla lavagna e sollevo il tipico PowerPoint. (brivido)
@JeffE buon punto, ma per quanto mi riguarda le diapositive di PowerPoint sono una forma di vita così bassa che non le presenterei (e non le presenterei) nemmeno pubblicamente ([riferimento XKCD obbligatorio] (https: // xkcd. com / 1301 /)) ...
La prima frase sembra che tu voglia dire che la scrittura a mano sulla lavagna non dovrebbe avere posto nell'insegnamento.
@Raphael niente potrebbe essere più lontano della verità. Cosa diavolo ti dà questa impressione? Le lavagne hanno assolutamente il loro posto, e quel posto è precisamente in classe (e in uno o due altri posti). In ogni caso, se vuoi discutere di questo, concentriamoci su ciò che ho detto in realtà, che è una domanda oggettiva, piuttosto che su ciò che "sembra che io voglia dire", che apparentemente è altamente soggettivo e facilmente soggetto a interpretazioni errate.
A meno che tu non sia Gerry Sussman o Harold Abelson, allora l'hai [registrato dal vivo e pubblicato] (https://www.youtube.com/watch?v=2Op3QLzMgSY) sui video e successivamente servito sul Web a milioni di persone per decenni alla fine, errori auto-colti a metà frase e tutto. Effettivamente piuttosto coinvolgente, ancora oggi.
@DanRomik Hai detto "frettolosamente [...], disordinato, incontrollato e incline all'errore" - non sembra un artefatto che vorresti usare nell'insegnamento. Detto questo, ho assistito a diverse conferenze di professori che avevano eccellenti "scarabocchi sulla lavagna" - perché li hanno preparati con cura in anticipo, controllati (ripetutamente, immagino) e disposti chiaramente sulla lavagna.
Sono sorpreso che questa risposta abbia così tanti voti positivi, ma nessuno ha menzionato l'enorme difetto nell'analogia con l'attore. I professori, mentre insegnano, ** si esibiscono davanti a un pubblico ** che li giudicherà formalmente per un lavoro per cui vengono pagati. L'elefante nella stanza (non sempre visibile agli studenti universitari) è ovviamente che, a causa del modo in cui avvengono i finanziamenti, la maggior parte delle università valuta gli sforzi di ricerca dei professori più dei loro sforzi di insegnamento.
@Fuhrmanator: Ammetto di essere sorpreso quanto te del numero di voti positivi, ma comunque penso che l'analogia con gli attori sia piuttosto buona e riesca a catturare una caratteristica essenziale della psicologia del rifiuto dei professori di consentire rilascio delle loro foto sulla lavagna. Naturalmente, come tutte le analogie, non è perfetto e si rompe abbastanza rapidamente quando si guardano in dettaglio le due situazioni in tutta la loro complessità.
@DanRomik Penso che tu abbia inchiodato la psicologia, ed è per questo che è una risposta popolare. L'analogia non funziona per me perché al supermercato gli attori non * lavorano *. I professori in classe * stanno * lavorando, e quindi * dovrebbero * essere adeguatamente preparati (non è un buon motivo per chiedere agli studenti di non pubblicare foto; è un'insicurezza emotiva basata sulla mancanza di professionalità). L'analogia (a me) toglie la responsabilità professionale del professore.
@Fuhrmanator: Capisco, e questo è un buon punto. Tuttavia, ecco un punto che ho cercato di sottolineare più volte nei commenti, senza molto successo: un professore può venire in classe molto ben preparato, può fare un ottimo lavoro e la sua lavagna _ancora_ non sarà così bella e pulita e professionale come una carta ben scritta. È semplicemente un confronto tra mele e arance: due diversi tipi di contenuto, due diversi standard di qualità. Quindi le ragioni psicologiche che ho citato sono ancora del tutto legittime anche per i migliori docenti, e non implicano alcuna insicurezza o mancanza di professionalità.
@DanRomik Il tuo ultimo commento ha senso, ma è molto diverso da quello che hai scritto nella tua risposta: "creato frettolosamente sotto la pressione del tempo e in un momento di elevato carico cognitivo, disordinato, incontrollato e soggetto a errori". L'ho letto come una preparazione inadeguata, quindi potrebbe spiegare la confusione che le persone stanno avendo.
Ottimo punto @Fuhrmanator, grazie mille. Mi sento un po 'stupido per non averlo capito prima. Ora ho modificato il mio post aggiungendo un chiarimento su questo punto, si spera che chiarisca la confusione.
Ma dove imparano questi professori questa pratica? Per esempio. se un giorno diventassi professore e non fossi incappato in questo sito, dove entrerebbe questa pratica?
@mike3 Sono confuso dalla tua domanda. Quale pratica?
#2
+34
vonbrand
2015-11-16 06:19:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono possibili diverse spiegazioni:

  • I loro scarabocchi sulla lavagna sono il loro materiale protetto da copyright, quindi hanno tutto il diritto di limitare la distribuzione. Cioè, scritto "solo per i miei studenti".
  • Ciò che finisce sulla lavagna è solo una parte della lezione, spiegazioni, domande e risposte, esempi al volo, la ripetizione di un punto mancato è parte integrante dell'insegnamento. Tutto ciò non viene visualizzato, quindi il risultato non è davvero completo e probabilmente di per sé meno che utile.
  • Non vogliono essere esposti pubblicamente con cose scritte in modo un po 'sciatto sul -volare, mal organizzato, con poche (o nessuna) possibilità di controllare / modificare e (probabilmente peggio) nessuna attenta citazione delle fonti.
  • Stanno scrivendo segretamente un libro di testo e non vogliono il loro scoop rubato in rete da una versione "lavagna pirata" ;-)
L'ultimo punto potrebbe davvero accadere? Voglio dire, sì, può essere in teoria, ma non credo che una raccolta di immagini prese dal tabellone possa mai sostituire un libro. E se hanno davvero bisogno di essere segreti, non permetteranno agli studenti di scattare foto la prima volta.
@Ooker Penso che più questo problema sia che qualcun altro che scrive un libro sull'argomento potrebbe passare attraverso e tirare esempi e idee dalla versione alla lavagna degli appunti di un altro professore.
@Ooker, vedi la faccina ...
@Oooker probabilmente non in matematica o scienze, ma nelle discipline umanistiche in cui il contenuto delle lezioni è molto meno standardizzato, questo forse potrebbe essere più preoccupante. Ancora dubbioso.
@Ooker In matematica ho conosciuto molti professori per basare i loro libri sulle loro lezioni, o per tenere lezioni basate sulle bozze tenative di un libro. Il libro è pensato per essere educativo e utilizzato in classe, quindi ha senso testarlo sul campo e vedere come va. Una parte significativa dei miei testi di matematica contiene in avanti dell'autore che menziona le lezioni che sono state insegnate con le prime versioni del testo e ringrazia le classi (a volte anche studenti specifici) per il loro feedback e aiuto nel migliorare il libro.
@zibadawatimmy ma in tal caso, il mio punto è ancora valido, è giusto?
Quando ho iniziato a insegnare, il punto 3 sarebbe stato il motivo principale per cui non avrei voluto che i miei studenti pubblicassero le immagini delle mie lavagne. Dopo 15 anni di insegnamento ho superato quell'insicurezza perché la mia preparazione è molto migliore.
#3
+28
Szabolcs
2015-11-16 20:49:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che la tua domanda sia un po 'ingenua. Una volta che ti trovi nella stessa situazione dei tuoi professori, la risposta sarà ovvia.

Immagina solo che uno studente junior venga da te e ti chieda aiuto, diciamo, con un difficile problema di matematica. Lo aiuteresti? Suppongo che lo faresti. La maggior parte delle persone lo farebbe se avesse il tempo e l'esperienza. Passeresti un'ora con lui, si spera che risolva il problema e gli spieghi la soluzione.

Ora immagina che lo stesso studente ti dica che pubblicherà tutti gli appunti e gli scarabocchi che fai mentre tu stanno lavorando insieme su questo problema. Chiunque potrà trovarli se cerca il tuo nome. Sarà disponibile su Internet, probabilmente per sempre. Non avrai alcun controllo su di esso, poiché non sei nemmeno quello che li ha pubblicati. Non sarai in grado di correggerlo se trovi un errore. contribuirà alla tua reputazione professionale, ma se qualche estraneo critica le note, le definisce sbagliate o difficili da capire e inutili, non avrai la possibilità di difenderle, chiarirle o correggerle. Non è affatto lo stesso di quando spiegavi la soluzione al tuo amico e stavi avendo una discussione con lui.

Aiuterai ancora questo studente se lo sapessi avrebbe pubblicato l'intera discussione? Forse non lo faresti. O forse lo faresti, ma accetteresti di pubblicare le note solo se hai la possibilità di correggerle e rifinirle attentamente, per assicurarti che siano adatte a un pubblico generale con cui non puoi interagire in modo interattivo e su cui avresti un certo controllo dove e come vengono pubblicate le note in modo da poterle aggiornare in futuro, se necessario. Ovviamente la preparazione di questi appunti richiederà molto più tempo della discussione di un'ora di cui avresti bisogno per spiegare la soluzione solo a questo studente. Quindi potresti facilmente decidere che non hai tempo per un simile sforzo.

+1 ... e questi sono anche buoni motivi per non rivelare nomi reali quando si pubblicano risposte semi-pensate in siti come SE :)
Direi che c'è il rischio di pubblicarli senza autorizzazione, ma non è grande. Nessuno vuole andare alla pagina 10 di Google.
"Immagina solo che uno studente più giovane venga da te e ti chieda aiuto" - e sarebbe fantastico se portassero una foto della mia lavagna! Ho scritto male o hanno letto male?
@Raphael Questa però non è condivisione pubblica.
#4
+9
Fuhrmanator
2015-11-17 05:50:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In qualità di professore, voglio che l'esperienza in classe sia dinamica. Se gli studenti avessero accesso al contenuto della lavagna, potrebbero pensare che non sia necessario presentarsi.

Inoltre, scrivere note si traduce in una maggiore ritenzione di informazioni rispetto alla semplice lettura (o digitazione). http://www.scientificamerican.com/article/a-learning-secret-don-t-take-notes-with-a-laptop/

Il dinamismo è fondamentale, trovando un modo per "aggiungere valore" oltre i libri statici o PDF. Le spese generali prefabbricate, o note predeterminate da copiare su una lavagna bianca / nera, tendono a smorzarlo, nonostante la possibilità di enormi supplementi audio dal vivo, che (male-miracolosamente) molti studenti sembrano ignorare e scartare. Ma / e gli studenti saltano a conclusioni presunte anche sulla "freschezza" dell'audio, pur ignorandola. Quindi, in realtà tendo a pensare in termini di una sorta di improvvisazione e reattività (altamente informata, si spera esperto, si spera fluida) ...
Se le tue lezioni aggiungono davvero valore alle diapositive, perché hai paura che gli studenti non si presentino?
@Livings Personalmente sono d'accordo con gli studenti che scattano foto alla lavagna. Riduco al minimo il tempo di lezione e non mostro molto in termini di diapositive in classe. Le informazioni sulla lavagna di solito sono le risposte agli esercizi che i gruppi fanno in classe. Molti studenti troveranno una giustificazione per non venire, ma alcuni potrebbero essere più motivati ​​se tutte le informazioni non fossero disponibili all'esterno.
_potrebbero pensare che non sia necessario presentarsi_ - Quindi lascia che non si presentino. Qual è il problema?
@JeffE Perché non fare questa domanda formalmente in modo da poter ottenere risposte dalla comunità?
Scusate, il mio commento è stato irriverente b / c odiavo le lezioni anch'io. Ma ho anche combattuto classi in cui quasi nessuno studente si presentava, perché erano pigri (non c'era abbastanza spazio per spiegare, ma avevamo altre classi per il confronto). Alla fine, vieni incolpato per la pigrizia dei tuoi studenti, quindi ha senso, anche se per autoconservazione. Se falliscono tutti, l'anno prossimo avrai il doppio degli studenti. Però sarebbe stata la cosa giusta insegnare loro una lezione.
#5
+6
user44416
2015-11-16 06:57:12 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Oltre alle ragioni fornite nelle altre risposte, i tuoi professori probabilmente insegneranno di nuovo nella stessa classe tra un anno o due e non vogliono che il prossimo gruppo di studenti abbia accesso a tutte le note. Ci sono buone ragioni per questo:

In primo luogo, gli studenti potrebbero utilizzare gli appunti delle lezioni precedenti per imbrogliare su serie di problemi ed esami. Ciò potrebbe accadere perché l'anno prossimo il professore cambia l'esempio che è andato in classe con un problema di compiti a casa. Oppure il professore potrebbe esaminare le soluzioni per i compiti in classe.

In secondo luogo, se gli studenti hanno accesso agli appunti delle lezioni degli anni precedenti, potrebbero decidere di non venire in classe (o venire e non prestare attenzione). Il solito ragionamento degli studenti è: `` Non ho bisogno di andare in classe, perché ho già accesso a tutte le informazioni. '' Sfortunatamente, quegli studenti finiscono per fare male, perché gli appunti delle lezioni non compensano adeguatamente il non venire a classe. Quindi condividere gli appunti delle lezioni con il prossimo gruppo di studenti può rendere loro un disservizio.

I professori non hanno bisogno di avere un motivo, ma entrambi i motivi che hai fornito sono negativi.
@emory Giusto, darei un voto negativo se avessi la reputazione di questo. La domanda riguarda lo scatto di fotografie e il prendere appunti su carta, mentre nessuno dei punti di questa risposta fa la differenza qui. Entrambi i punti si applicherebbero allo stesso modo agli appunti presi su carta.
Molte università hanno politiche contro la pubblicazione di note scritte su Internet o la vendita di copie di note scritte.
_Ci sono buone ragioni per questo_ - Forse sì, ma non ne hai dato nessuna. Gli studenti universitari sono adulti; se vogliono privarsi dell'istruzione per cui hanno pagato, è un loro diritto.
Molti dei miei corsi hanno pagato uno studente per scrivere i nodi della lezione. Erano * molto * utili per l'apprendimento.
@emory perché male? Ho visto un docente insegnare con PowerPoint. Ha spostato le diapositive così velocemente che nessuno può scriverle e si è rifiutata di dare le diapositive agli studenti per queste esatte ragioni.
@Ooker (1) Quindi le sue diapositive contengono le risposte ai compiti a casa dei prossimi anni? Come studente, mi è permesso fotografarli, ma non posso distribuirli pubblicamente. Dirò ai miei confratelli che non sono per la distribuzione pubblica. La confraternita manterrà privata la distribuzione. (2) Se posso imparare il materiale senza assistere alla lezione, dovrei essere in grado di provarlo. Questa è una buona cosa.
Non capisco i voti negativi. Ci sono sicuramente professori che la pensano in questo modo. Se sei d'accordo con quei professori non è rilevante.
#6
+6
Fomite
2015-11-16 22:39:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Uno dei modi in cui trovo utile pensare a domande come questa è chiedere "Qual è il vantaggio del contrario?" Diciamo che il professore non solo permette di scattare una fotografia degli appunti, ma di condividerli online. Che vantaggio c'è?

Anche lasciando da parte cose come gli errori che si propagano attraverso le note, consentire agli appunti di esistere online lascia solo una forma minore degli appunti delle lezioni (la lavagna, assente qualsiasi contesto o la lezione stessa) fuori nel mondo. A cosa serve? Chi ne trae davvero vantaggio?

Ci sono numerosi aspetti negativi (come hanno discusso altre persone) e gli aspetti positivi sono piuttosto fugaci - nella migliore delle ipotesi, potresti sostenere che la classe attuale sarebbe liberata dal prendere appunti , ma molte persone preferiscono prendere appunti e questo crea una dipendenza che la fotocamera, le capacità di scattare foto e l'hosting saranno sempre disponibili e adeguati alle loro esigenze.

Fondamentalmente, chiediti: "Perché dovrebbero?"

#7
+3
paul garrett
2015-11-17 06:13:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono d'accordo sul fatto che, come in altre risposte e commenti, il corpo docente potrebbe non volere che performance "inedite, non ingegnerizzate, dal vivo" siano registrate ed esistano per sempre sugli introweb.

Allo stesso tempo, il " valore aggiunto "(presumibilmente al di là di libri, Wiki, materiale in linea, persino i miei appunti in linea prodotti per la stessa classe stessa) che intendo fornire è qualcosa (immagino ...) non possa essere catturato solo" cattura schermo "della lavagna, non più di quanto un video senza audio di uno spettacolo teatrale sarebbe" lo spettacolo ". Ok, quindi una registrazione video + audio (penso che li chiamino "film") potrebbe catturare tutto ... proprio come fanno i film. O DVD video di orchestre che suonano musica, come se questo potesse sostituire "andare a un concerto".

Per molti versi, questi sostituti sono eccellenti. Sicuramente più economico. Quindi ci si dovrebbe chiedere in che modo, se del caso, mancano. Cioè, invece di preoccuparmi così tanto del divieto di video "piratati" delle mie lezioni, dovrei chiedermi cosa offro, se non altro, che queste registrazioni non catturano ...

Risposta : non così tanto che a molte persone interesserebbe. ("Oh, quelle sciocche persone ...")

Per questi motivi, alcuni anni fa mi sono rifiutato di farmi filmare mentre tenevo alcuni miei corsi popolari, quando l'università non aveva accettato di darmi abbastanza I diritti di PI (proprietà intellettuale) per non farmi sostituire nel lavoro con le mie registrazioni ... :)

La rilevanza di questa invocazione per la domanda è che molti professori si preoccupano ragionevolmente (se sono bravi o meno insegnanti a vari livelli) che la loro università o dipartimento cercheranno di sostituirli con simulacri economici ... forse anche solo registrazioni di se stessi ... come sospetto ... e anche le cose tangenzialmente correlate sono istintivamente resistite, anche se " sono quasi dei non sequiturs.

In particolare, a differenza di quanto possono aspettarsi anche i cattivi attori, non ci sono "residui" per i replay dei video di matematica. Forse in futuro. Per il momento, "possesso" è la cosa più vicina? :)

#8
+2
postagepaid
2015-11-16 08:29:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Qualsiasi materiale prodotto in una lezione è coperto da copyright, proprietà intellettuale e norme sulla condotta degli studenti / integrità accademica.

I materiali per gli studenti disponibili nelle classi universitarie non sono materiali "pubblici" e la distribuzione di materiali al di fuori della classe va contro le norme e può / non può essere soggetta alla legge sulla violazione del copyright. Altrimenti, perché andare all'università se l'istruzione è gratuita?

Tecnicamente, le note e gli altri materiali delle unità non dovrebbero essere ripubblicati in alcun modo "per aiutare lo studente successivo" in conformità con queste politiche. Tuttavia, è un'area molto grigia.

Per dare un esempio di quando accade e non è così grigio, ho trovato una mia valutazione all'inizio di quest'anno (parola per parola, inclusi suggerimenti su come eseguire bene la valutazione e cosa il punteggio della valutazione criteri è) su tutti i siti web di scrittura di saggi a pagamento, con codici allegati relativi all'argomento della mia unità.

Ci sono vari modi per ottenere un'istruzione universitaria gratuita, ma semplicemente guardare le foto delle lavagne difficilmente sarà efficace, mi sembra.
Dai tempi dell'università, ricordo di aver studiato il teorema del limite centrale. Stai dicendo che non posso più usarlo perché era proprietà intellettuale del mio professore. Sono già abbastanza nei guai perché usando la grammatica che ho imparato durante le lezioni di inglese.
_ Stai dicendo che non posso più usarlo perché era proprietà intellettuale del mio professore_ - Adesso sei solo sciocco. Ovviamente puoi usare le _ideas_ presentate nelle lezioni dei tuoi professori; le idee non possono essere protette da copyright. Ma non puoi pubblicare video delle loro lezioni su YouTube; L'espressione_ di quelle idee è protetta da copyright.
#9
+1
Ian
2015-11-17 01:07:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un altro punto che non ho notato sopra: in alcune istituzioni (compresa la mia), il copyright dei materiali didattici dei professori (incluso, strettamente, la loro scrittura) non appartiene esclusivamente a loro: appartiene all'istituzione in quanto bene.

La logica alla base di questo è la seguente: l'università paga il professore per creare il materiale del corso. Tuttavia, il corso stesso (e il materiale) appartiene all'università. L'espressione di quel materiale dipende dal professore, quindi hanno voce in capitolo nel suo utilizzo (credo che "diritti di esecuzione" sia la frase). Tuttavia, rimane il materiale dell'università.

Questo spiega anche perché nessuno si preoccupi che uno studente apra i propri appunti durante il corso: gli appunti dello studente sono la loro interpretazione del materiale, non quello che è stato prodotto come lavoro a noleggio.

* il copyright del materiale didattico dei professori (inclusa, rigorosamente, la loro scrittura) non appartiene esclusivamente a loro: appartiene anche all'istituzione. * -1, totalmente falso AFAIK
@Ben Ian dice questo di "certe istituzioni, compresa la mia" - stai affermando che questo non è vero in * nessuna * istituzione, anche quella di Ian? Difficile vedere come potresti saperlo.
Anche se non riesco a trovare un collegamento pubblico alla politica del mio istituto, è simile a [questa politica] (http://www.gla.ac.uk/services/datamanagement/creatingyourdata/intellectualpropertyrights/) dell'Università di Glasgow. Si noti la citazione "L'Università possiede IP generati dal personale dell'Università nel corso o in modo accessorio al proprio impiego, inclusi materiali didattici o universitari".
#10
+1
user1482
2015-11-17 07:50:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa non è una risposta esaustiva, ma è troppo lunga per un commento. Ci sono molte possibili ragioni per cui i professori direbbero questo, ma quella che sospetto sia la più importante è la seguente.

Molti professori, così come le scuole che li assumono, vogliono mantenere la finzione che le lezioni siano un metodo di insegnamento ragionevole nell'anno 2015. Le lezioni hanno avuto origine in un'era in cui i libri erano troppo costosi per la maggior parte delle persone possedere, in modo che i professori leggano il libro ad alta voce e gli studenti copino le parole con una penna d'oca per avere la propria copia. Questa è una cosa sciocca da fare nel 2015 e l'evidenza empirica mostra che per una varietà di materie, le lezioni non sono un modo efficace per insegnare, rispetto alle alternative: http://www.pnas.org/content/ early / 2014/05/08/1319030111.

Il problema è che sarebbe scomodo per i professori e i loro datori di lavoro ammetterlo. Nelle grandi scuole, è molto conveniente radunare 300 studenti in un auditorium per guardare un professore che tiene una presentazione powerpoint in scatola. Gli studenti tendono anche ad accettare acriticamente la lezione come normale modalità di insegnamento e spesso non amano le alternative, che li costringerebbero a prepararsi per la lezione, a svolgere un ruolo attivo o rischiano che altre persone vedano che si sbagliano su qualcosa. E per i professori, è facile tenere la stessa lezione fissa anno dopo anno. "Fingiamo di insegnare, tu fingi di imparare."

Se i professori che usano la lezione come loro unica modalità di insegnamento permettessero che le loro lezioni siano pubblicate gratuitamente su Internet, andrebbero incontro a una crisi esistenziale. Non ci sarebbe motivo per loro di continuare a presentarsi di persona, semestre dopo semestre, e non ci sarebbe motivo per i loro studenti di presentarsi a lezione.

Eppure molti professori pubblicano diapositive delle lezioni su Internet, e per quanto ne so questa pratica non ha portato a nessuna "crisi esistenziale".
@ff524: Buon punto, ma qui ci sono due cose da considerare: (1) Potremmo aver già avuto la crisi esistenziale, ma continuiamo a fingere di non averlo fatto, perché è conveniente per tutti gli interessati - uno scenario di "vestiti nuovi dell'imperatore" . (2) Sai che i professori a cui ti riferisci usano la lezione come unica modalità di insegnamento?
@ff524 In realtà sta lentamente erodendo la partecipazione, sì. Ad ogni modo mi piacerebbe fare cose di classe invertite, ma gli studenti vogliono lezioni che perdono tempo. Perché non richiede loro di partecipare.
"Le lezioni hanno avuto origine in un'epoca in cui i libri erano troppo costosi da possedere per la maggior parte delle persone" - considerando il prezzo ridicolo dei libri di testo, forse quell'era tornerà.
_Voglio mantenere la finzione che le lezioni siano un metodo di insegnamento ragionevole nell'anno 2015_ - Questo perché le lezioni ** sono ** un metodo di insegnamento ragionevole nell'anno 2015. (Non è l'unico ** metodo ragionevole, ovviamente .) Negli ultimi dieci anni, ho pubblicato circa un migliaio di pagine di dispense e altri materiali del corso, e circa un centinaio di ore di video di lezioni, tutti liberamente accessibili su Internet. Tuttavia, la maggior parte dei miei studenti viene ancora in classe. Il trucco è ** non ** di tenere la stessa lezione in scatola anno dopo anno.
#11
  0
Jesuisme
2015-11-22 19:49:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Innanzitutto, grazie per avere la cortesia di chiedere il permesso.

Penso che ci siano un paio di altre cose da considerare:

  1. Poiché tutto il i professori hanno risposto allo stesso modo, potrebbe esserci una politica del dipartimento o dell'università riguardo alla pubblicazione di contenuti online.

  2. "Danno" è relativo all'individuo e alla situazione. Potrebbe essere finanziario, artistico o sociale. Alla fine della giornata, il contenuto appartiene al professore e all'università e ne determina l'utilizzo.

  3. Gli appunti di classe sono la tua interpretazione della conoscenza diffusa in classe. Sono pensati per uso personale. Quando li pubblichi online, la veridicità e / o il plagio diventano una tua responsabilità.

#12
-2
zga
2015-11-16 06:19:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sembra che non vogliano essere costretti a subire errori, plagio accidentale o attribuzione errata o spiegazioni inadeguate che hanno scritto durante le lezioni.

Inoltre, potrebbero considerare la pubblicazione stessa come un processo di "controllo di qualità" che la lezione non offre. Inoltre, in alcuni campi c'è la paura di essere "battuti sul tempo" se qualcosa su cui stai lavorando viene reso disponibile prima che sia completo. Le idee sono proprietà intellettuale e si teme che tale proprietà venga rubata o adottata ingiustamente. La pubblicazione lascia una traccia cartacea per risolvere eventuali controversie, quindi tendono ad essere evitate tutte insieme.

Non diresti che le idee condivise in una classe vengono condivise apertamente con le persone in classe? Esistono davvero aule in cui ci sono restrizioni sull'uso o sulla condivisione delle idee apprese in classe?
Le lezioni universitarie sono raramente al limite della ricerca attuale, quindi non credo che il tuo secondo paragrafo si applichi davvero.
IOW, se il professor Z misex spiega un teorema in classe e io applico il teorema come spiegato in modo errato in un esame e perdo punti, dovrei subire la penalità in silenzio. Il secondo paragrafo è spazzatura completa. Le mie immagini timbrate della lavagna del professor Z sono solo un'ulteriore prova della cronologia del professor Z
_Le idee sono proprietà intellettuale_ - No. Non lo sono. L '_espressione_ delle idee è proprietà intellettuale.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...